Logo Kel 12 Cultura del viaggio

Chi Siamo

National Geographic Expeditions

Nata nel 1999, National Geographic Expeditions nasce basandosi sui medesimi principi che, 130 anni fa, diedero vita alla National Geographic Society: ispirare la diffusione della conoscenza, celebrare l’ingegno umano e la scoperta continua. Oggi, National Geographic Expeditions, propone ai viaggiatori di tutto il mondo centinaia di viaggi ogni anno verso oltre 80 destinazioni di tutti i continenti. Per la pianificazione l’organizzazione dei sui viaggi, National Geographic Expeditions si avvale della straordinaria rete di esperti, ricercatori e talenti che lavorano con la National Geographic Society e con National Geographic Partners. Come per tutte le attività commerciali targate National Geographic, anche parte degli introiti generati da National Geographic Expeditions va a finanziare il lavoro di ricerca e conservazione della National Geographic Society.

Kel 12 Tour Operator

Si racconta che nel Sahara le leggendarie Kel, le tribù dei Tuareg, siano 11. Ed è proprio ispirandosi al continuo viaggiare degli Uomini Blu negli spazi infiniti del deserto, alla loro voglia di esplorare e di non fermarsi mai, che nasce Kel 12, la dodicesima Tribù. Correva l’anno 1978. E Kel 12, come un moderno pioniere, inizia a disegnare infiniti itinerari. Ad aprire vie, a tracciare sentieri che, oggi, sono comuni. Facendo conoscere – e amare – quest’Africa a tanti italiani. Ma il viaggio di Kel 12 è solo all’inizio. Nel corso degli anni si allargano gli orizzonti, si raccolgono nuove sfide. E si va sempre più lontano. La casa della dodicesima Tribù diventa il Pianeta. Vengono disegnati percorsi insoliti, si raggiungono mondi perduti e genti lontane. Una lunga storia, tutta italiana. Fatta di esperienza e tradizione. Mossa da curiosità e voglia di approfondimento. Che oggi, quarant’anni dopo, fa di Kel 12 uno dei leader italiani dei viaggi culturali e di qualità. La filosofia è sempre la stessa: proporre viaggi etici e sostenibili, che sono esperienze, incontri con la natura, la storia, l’arte. E, soprattutto, con le persone, l’altro, il diverso: da conoscere e rispettare.