VIAGGI CON L'ESPERTO

Finlandia - Lituania - Lettonia - Estonia - Russia / LE CINQUE SCIABOLE DELLO ZAR

UNA “PRIMA KEL 12”, ideato e redatto da Marco Patrioli

Vilnius, Riga, Tallinn, Helsinki, San Pietroburgo: il mar Baltico non è un luogo, è un mondo di bellezza tradita che sembra non poter essere trattenuto in una mappa. Sopraffatto dalla storia, compone un mosaico di ricordi che si addensano sullo sfondo di un presente pulsante e in movimento. Perché oggi il Baltico vive e respira a pieni polmoni, e ha la forma morbida ma austera di quelle che ne sono sempre state le città simbolo. Le cinque sciabole finemente intarsiate dagli zar e poi, al culmine dello scompiglio di fine impero, volate via con un cuore di colomba.

Un viaggio che troverà sponda in cinque diverse nazioni, legate da un unico quadrante, il Mar Baltico, e da un filo che le percorre e congiunge l’una all’altra. Filo che noi andremo a dipanare scegliendo di volta in volta il mezzo migliore per seguire e dar corpo in prima persona a questa narrazione: la strada, il cielo, il mare e la rotaia.

Cinque è il numero primo che sarà cifra caratteristica di questa nostra avventura, e cinque saranno infatti gli elementi cui attingeremo lungo il nostro percorso: i quattro alchemici classici più uno che appartiene al cuore segreto del baltico.

Terra. Quella che calpesteremo in lungo e largo, non solo nelle cinque capitali, ma che avremo modo di trovare addentrandoci anche nelle comunità rurali.
Acqua. Quella del mare, poco salina e molto scura, minacciosa a volte, che dà il nome alla regione Baltica nella sua interezza.
Aria. Quella che oltre ad essere particolarmente tersa in queste grandi pianure distese tra Europa e Russia – qui si registra la più bassa densità abitativa del nostro continente – andremo a cercare arrampicandoci sulle tante torri e campanili che segnano le architetture nel Baltico: qui i panorami sono una forza di attrazione intensa quanto quella gravitazionale.
Fuoco. Quello rubato agli dei, che le popolazioni baltiche delle origini, ancora oggi intrise di paganesimo, hanno da sempre trovato nell'ambra - una resina, non a caso collegata al fuoco e come tutte le resine facilmente infiammabile. Le raffinate lavorazioni dell'ambra sono ancora oggi il tratto distintivo di tutto il mar Baltico.
E il quinto elemento, quello che non esiste ma è determinante per queste terre: le note musicali. E’ sulle note che i popoli del Baltico hanno appoggiato la loro anima.

Cinque elementi ma anche cinque capitoli, Vilnius Riga Tallinn Helsinki Pietroburgo pronunciati tutte d’un fiato - di una storia prima separata, poi comune, quindi di nuovo fieramente distinta. Le tracce artistiche di questo passato sono molteplici, e oltre ai fasti di Pietroburgo –una città sogno ma anche uno splendido equivoco di impronta lunare - motivo di interesse saranno le elaborate combinazioni gotico e medievali delle città baltiche, cosi come la freschezza scandinava di Helsinki - che pure fino alla seconda parte dell'ottocento era parte dell’impero zarista, e oggi ne vive i lasciti con maggior disimpegno rispetto ai suoi “cugini”.

Nove giorni in cui pur allargando non poco l’arco del compasso, lo terremo sempre puntato sull’essenza del Baltico. E senza diluire troppo il colore sulla tela: sarà un viaggio denso e febbrile, proprio come certi motivi decorativi dell’art nouveau tanto celebrato a queste latitudini, che di una nuova sensibilità tuttora ben viva è stato, più di un secolo fa, il reagente.
 



A partire da euro 3050
clock 9 Giorni
valigia Partenze
 in fase di programmazione
video foto

Il viaggio continua
su facebook

cambia look a questo sito