Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • KAFUE, LIUWA PLAINS E CHOBE

    BOTSWANA ZAMBIA

  • KAFUE, LIUWA PLAINS E CHOBE

    BOTSWANA ZAMBIA

    Spedizioni, Trekking

    Durata 13 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 10 MASSIMO 12  PARTECIPANTI
    Partenze

      2021

    • Dal 18  luglio  al 30  luglio  
    • Dal 14  agosto  al 26  agosto  
    • Dal 7  novembre  al 19  novembre  

    A PARTIRE DA:  

    7.100€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Zambia - Botswana

    KAFUE, LIUWA PLAINS E CHOBE

    VIAGGIO NOVITA’

    Una vera esperienza africana…un viaggio adatto a chi ama l’Africa, a chi cerca il “wild”, a chi cerca rotte poco battute dal turismo…

    Cominciando dalle cascate Vittoria, una delle sette meraviglie del mondo, con la sua potenza d’acqua; proseguendo con il Kafue National Park, unico per le sue dimensioni, il suo aspetto selvaggio, la sua abbondanza di fauna selvatica, ancora in parte inesplorato; e ancora le Liuwa Plains, nella parte occidentale del Paese, dove vivono legalmente oltre 12.500 persone, un ottimo esempio di come le persone e la fauna selvaggia possano coesistere e beneficiare di un paesaggio condiviso. Ogni anno, Liuwa ospita la seconda più grande migrazione di gnu del continente, uno degli spettacoli naturali più straordinari del pianeta. Si arriva sulla sponda dello Zambesi, che dal lato Zambia è punteggiata da rifugi naturali incontaminati, e il modo ideale per apprezzare la bellezza, la tranquillità e la fauna selvatica eccezionale di questa parte dello Zambezi è quello di navigare lentamente nelle sue acque. E per finire, due pernottamenti sulle sponde del fiume Chobe, nella striscia del caprivi, dove la quantità di fauna è davvero impressionante, dominata dai grandi branchi di elefanti.

    2 pernottamenti sono in tenda,  nelle Liuwa Plains, per sentire che gli animali sono dappertutto, e il connubio fra terra e acqua rispecchia le relazioni che mantengono l'equilibrio della natura. E la notte i richiami dei predatori mettono i brividi… trascorrere la notte in una tenda tra ippopotami e iene cambierà per sempre le vostre percezioni. Un rapporto meno filtrato con il contesto naturale per provare sensazioni nuove.

     

    ITINERARIO

    Partenza dall’Italia nel pomeriggio con voli di linea per Johannesburg. Cena e pernottamento a bordo. 
    Arrivo a Livingstone, disbrigo delle formalità doganali e trasferimento in hotel. Nel pomeriggio, tempo permettendo visita delle Cascate Vittoria, che si estendono su più di 1600 m. di larghezza e sono il “punto” dove il mitico fiume Zambesi si getta da ben 95 m. nel vuoto facendo sì che 5 milioni di litri d'acqua al secondo precipitino creando nubi di vapore acqueo che si innalzano nel cielo e, condensandosi in minute goccioline, per effetto della rifrazione dei raggi del sole creano stupendi arcobaleni. Musi-o-Tuna (il fumo che tuona), così gli indigeni chiamano le cascate che furono “scoperte” dall'esploratore inglese David Livingstone nel 1853.  Sicuramente sono tra le più spettacolari al mondo, lungo il corso del fiume Zambezi, che in questo punto demarca il confine geografico e politico tra lo Zambia e lo Zimbabwe. e sono oggi una delle attrazioni turistiche più importanti del sud del continente africano. Le cascate Vittoria sono patrimonio dell'umanità protetto dall'UNESCO. Cena libera. 
    Il trasferimento via terra conduce alla nuova destinazione, il Kafue National Park. Fu il primo parco creato in Africa, nel 1950, e con i suoi 22.500 kmq è uno dei più grandi del continente, con ambienti molto diversi ed un’enorme varietà di mammiferi e uccelli. Sebbene il parco abbia molto da offrire, relativamente poche persone lo visitano, e quindi il parco è rimasto selvaggio e pressoché inesplorato. Prende il nome dal fiume Kafue, che lo attraversa per 250 km, che non è però l’unico, dato che qui scorrono anche il Lunga e il Lufupa, determinando il paesaggio, pianure, foreste e savana, e offrendo la possibilità di vedere branchi di animali, tra cui diverse specie di antilopi (se ne contano qui 17 diverse) ed i loro predatori: leoni, leopardi e ghepardi. Pranzo al lodge e nel pomeriggio primo safari all’interno del Parco. Cena al campo. 
    Al mattino ci si inoltra nel parco, in direzione nord, per raggiungere il lodge lungo il fiume Kafue. L’arrivo è previsto in tempo per il pranzo. Nel pomeriggio escursione in barca a motore lungo il fiume. La crociera in barca è un’attività rilassante che consente di ammirare il panorama e gli animali da un altro punto di osservazione, senza essere disturbati dalla presenza di altre barche; l’avvistamento di ippopotami, coccodrilli, antilopi diverse e elefanti sono abbastanza comuni. Cena al lodge. 
    Intera giornata da dedicare ai safari all’interno del parco, con pranzo nel bush. Si esplora un’area dove molto raramente si incontrano altri veicoli. Le pianure alluvionali, i fiumi e la savana, in questa zona remota e selvaggia, ospitano una serie impressionante di animali e uccelli, con possibilità di ammirare, tra gli altri, elefanti e felini. Cena al lodge.
    Dopo un ultimo safari nel parco, trasferimento verso Mongu, ultima cittadina prima di attraversare il fiume Zambezi ed entrare nel parco Liuwa, un parco nazionale della superficie di circa 3600 km² situato nella Provincia Occidentale dello Zambia. «Liuwa» significa «pianura» nella locale lingua lozi e originariamente il territorio occupato dal parco era una riserva di caccia di Lubosi Lewanika, il Litunga (re o guida spirituale) del popolo lozi. La zona venne dichiarata prima area protetta dallo stesso Lubosi Lewanika per poi diventare parco nazionale nel 1972, quando divenne proprietà del governo dello Zambia. Pranzo a picnic, cena al lodge.  
    Si entra nel Parco nazionale di Liuwa Plains. Le distese erbose del parco danno sostentamento a un gran numero di grandi mammiferi, tra cui decine di migliaia di gnu striati che si radunano per compiere una fra le più spettacolari migrazioni di gnu dell'Africa (la seconda per dimensioni dopo quella che avviene fra Tanzania e Kenya). Tra i grandi predatori è possibile avvistare ghepardi, iene e leoni; il grande felino più celebre del parco era la leonessa chiamata Lady Liuwa, protagonista di un documentario della National Geographic (L'ultima leonessa), morta per cause naturali nel 2017. Lady Liuwa era l'ultimo leone rimasto nel parco in seguito ad anni di caccia indiscriminata, prima che la African Parks ne assumesse la gestione e iniziasse un programma di reinserimento di leoni provenienti da altre zone per incoraggiare la ricostituzione di un branco. Nonostante il declino di molte popolazioni e la scomparsa locale di alcune specie durante il ventennio 1990-2009, la popolazione di grandi mammiferi è nuovamente tornata stabile. A Liuwa, rimasta fuori dai circuiti del grande turismo internazionale fino a pochi anni fa, sono state censite più di 300 specie di uccelli. Pranzo e cena al campo. Pernottamento in tenda.  
    Intera giornata da dedicare ai safari all’interno del parco, con pranzo a picnic. Ci troviamo nel centro del Parco, da qui si può accedere alle foreste e alle pianure della zona orientale. Sono frequenti gli avvistamenti di iene e ghepardi, oltre a un’abbondante aviofauna. All’interno del parco vivono legalmente oltre 12.500 persone, un ottimo esempio di come le persone e la fauna selvaggia possano coesistere e beneficiare di un paesaggio condiviso. I campeggi sono sotto la responsabilità delle comunità che vivono nel parco, con l’aiuto di African parks; ciò significa che tutti i profitti derivanti dai campeggi vanno direttamente alle comunità locali, tramite il Community Resource Board e il Village Action Group. Pranzo e cena al campo, secondo pernottamento in tenda.
    Si lascia il parco per raggiungere quello che viene chiamato il “Upper Zambesi”. Dalla sua sorgente nella provincia nord-occidentale dello Zambia, Zambezi scorre in Angola prima di rientrare Zambia e scorrere verso sud creando le cascate più grandi del mondo, le Victoria Falls. Questa sezione del fiume sopra le cascate forma un confine naturale tra lo Zimbabwe e lo Zambia. Sulla sponda dello Zambia si trovano dei veri rifugi naturali incontaminati, e si avrà modo di apprezzare la bellezza, la tranquillità e la fauna selvatica eccezionale dello Zambezi “alto”. Visita alle rapide di Siamo. Pranzo a picnic, cena al lodge.
    Si lascia lo Zambia per entrare in Namibia, attraverso il confine di Katima Mulilo, la capitale della regione dello Zambezi, per entrare nel bellissimo parco Chobe che si estende lungo l’omonimo fiume, che in questa zona segna il confine tra il Botswana e la Namibia. Visiteremo la parte nord del Parco, quella che si sviluppa lungo le sponde del fiume, affluente dello Zambesi, in quanto anch’essa, a seconda delle stagioni, è molto ricca di vita animale grazie all'abbondanza di acqua permanente. Interessantissimi gli spettacoli dei grandi branchi di animali che si recano all'abbeverata sulle rive del fiume. In barca si raggiunge il lodge previsto per le prossime due notti, situato sulla sponda namibiana. Pranzo e cena al lodge. 
    Giornata dedicata all’esplorazione del parco, la cui caratteristica principale è la numerosa popolazione di elefanti (oggi in Botswana si presume ne vivano circa 120.000). Gli elefanti di Chobe seguono precise rotte migratorie, facendo spostamenti stagionali di oltre 200 km fra i fiumi Chobe e Linyanti, dove si concentrano prevalentemente nella stagione secca, e le “pans” nel sud-est del parco dove si disperdono invece durante le piogge. Questi pachidermi hanno la reputazione di essere tra i più massicci del continente africano per quanto riguarda le dimensioni del corpo, le zanne invece sono poco sviluppate. Naturalmente anche l’avifauna è particolarmente ricca: aquile pescatrici, oche selvatiche, cicogne, egrette, pivieri, pellicani, etc. Al mattino visita di un villaggio di pescatori, e nel pomeriggio escursione in barca lungo il fiume Chobe. Pranzo e cena al lodge. 
    Dopo un ultimo sguardo agli animali ed al paesaggio del parco si riparte per Livingstone, in tempo utile per il volo di rientro in Italia. Cena e pernottamento a bordo. 
    Arrivo in Italia.  E’ possibile estendere il soggiorno a Livingstone, nel caso è necessario richiederlo al momento della prenotazione. Per ragioni tecnico-operative l'itinerario potrà essere invertito o modificato dalla guida sul posto se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo.  L’itinerario può essere effettuato anche in ordine inverso, cominciando da Kasane e terminando a Livingtone, lasciando comunque invariati i pernottamenti, le escursioni ed i game drives        1. cucciolo di ghepardo                               2. Elefante                                   3. Ippopotamo a caccia 

    Perchè con Kel12?

    • Un itinerario originale, in una zona poco conosciuta, per veri amanti dell'Africa
    • Viaggio accompagnato da uno dei nostri esperti kel 12
    • Gruppo composto da massimo 12 partecipanti
    • Sono previsti safari in 4x4 e in barca a motore
    • I mezzi utilizzati per i trasferimenti sono Land Cruiser 4x4 con tetto apribile, con massimo 6 persone a bordo più autista. Posto finestrino garantito
    • Per le sistemazioni sono previsti lodge e campi tendati dallo charme africano, piccole strutture ben inserite nel contesto naturale, in ottima posizione. Il richiamo della natura, sentire gli animali vicini, vederli al campo possono essere esperienze uniche da vivere. 2 pernottamenti in tenda igloo in campo pre-allestito attrezzato
         

    I nostri esperti

    Esperto Kel 12

    Dal 18  luglio  2021 al 30  luglio  2021

    Dal 14  agosto  2021 al 26  agosto  2021

    Dal 7  novembre  2021 al 19  novembre  2021

    Approfondimenti di viaggio

                   MEZZI DI TRASPORTOUtilizziamo dei mezzi fuoristrada 4x4 modello Toyota Land Cruiser con tettuccio apribile. I viaggiatori hanno a disposizione un posto finestrino garantito. I sedili sono separati dal corridoio centrale. Per ogni tour sono previsti al massimo 2 veicoli con un massimo di 6 clienti per veicolo. Nel caso di due veicoli, si consiglia di viaggiare alternativamente sui diversi mezzi e comunque le spiegazioni avverranno quando il gruppo è unito. [...]