Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • VICTORIA FALLS, CAPRIVI E DELTA DELL’OKAVANGO

    BOTSWANA NAMIBIA ZIMBABWE

  • VICTORIA FALLS, CAPRIVI E DELTA DELL’OKAVANGO

    BOTSWANA NAMIBIA ZIMBABWE

    Viaggi con Esperto

    Durata 14 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 9 MASSIMO 12  PARTECIPANTI
    Partenze

      2022

    • Dal 21  aprile  al 4  maggio  
    • Dal 1  agosto  al 14  agosto  
    • Dal 25  agosto  al 7  settembre  
    • Dal 8  settembre  al 21  settembre  

    A PARTIRE DA:  

    6.980€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Zimbabwe - Botswana - Namibia

    VICTORIA FALLS, CAPRIVI E DELTA DELL’OKAVANGO

    VIAGGIO NOVITA’

    Un viaggio in Africa, nell’Africa incontaminata e primordiale, per una immersione totale nella natura più selvaggia. Il potere magnetico di questa destinazione è capace di affascinare i viaggiatori intrepidi soprattutto con la sua bellezza naturalistica. Con le sue vaste savane popolate di animali, questa vasta zona incarna alla perfezione il mito dell'Africa che si è sempre sognato. Il delta dell’Okavango e il fiume Chobe forniscono acqua per tutto l'anno, così nella Riserva Faunistica di Moremi, nel Parco Nazionale di Chobe e nel Parco  sono presenti quasi tutte le specie di mammiferi dell'Africa meridionale, mentre il fiume Chobe offre lo spettacolo unico di immensi branchi di elefanti che attraversano le sue acque e il Parco Nazionale del Mamili ora Nkasa Rupara National Park permette di vivere a stretto contatto con la natura come pochi altri posti in Africa. Scivolare sul Delta dell'Okavango a bordo di un mokoro (canoa scavata in un tronco) non è solo rilassante, ma a volte addirittura ipnotico: il fruscio della barca sulle canne è una dolce ninna nanna. Teniamo però presente che gli animali sono dappertutto, e il connubio fra terra e acqua rispecchia le relazioni che mantengono l'equilibrio della natura. Cominciando all’insegna dell’acqua: le Cascate Vittoria, una delle sette meraviglie naturali del mondo.

    ITINERARIO

    Partenza dall’Italia nel pomeriggio con voli di linea per Johannesburg. Cena e pernottamento a bordo. 
    Arrivo all’aeroporto di Victoria Falls, in Zimbabwe, disbrigo delle formalità di ingresso, incontro con la guida locale e trasferimento in città. Nel pomeriggio, tempo permettendo visita del Victoria falls park. Le Cascate Vittoria si estendono su più di 1600 m. di larghezza e sono il “punto” dove il mitico fiume Zambesi si getta da ben 95 m. nel vuoto facendo sì che 5 milioni di litri d'acqua al secondo precipitino creando nubi di vapore acqueo che si innalzano nel cielo e, condensandosi in minute goccioline, per effetto della rifrazione dei raggi del sole creano stupendi arcobaleni. Musi-o-Tuna (il fumo che tuona), così gli indigeni chiamano le cascate che furono “scoperte” dall'esploratore inglese David Livingstone nel 1853.  Sicuramente sono tra le più spettacolari al mondo, lungo il corso del fiume Zambezi, che in questo punto demarca il confine geografico e politico tra lo Zambia e lo Zimbabwe. e sono oggi una delle attrazioni turistiche più importanti del sud del continente africano. Le cascate Vittoria sono patrimonio dell'umanità protetto dall'UNESCO. Cena libera. 
     Giornata libera per esplorare ancora il parco e la cittadina, e per eventuali escursioni facoltative quali il volo panoramico sulle cascate in elicottero o microlight, il bungee jumping dal ponte sopra il fiume Zambesi, la crociera al tramonto sul fiume …  Pranzo e cena liberi.   
    Oggi si lascia lo Zimbabwe per entrare in Botswana nel bellissimo parco Chobe che si estende lungo l’omonimo fiume, che in questa zona segna il confine tra il Botswana e la Namibia. Visiteremo la parte nord del Parco, quella che si sviluppa lungo le sponde del fiume, affluente dello Zambesi, in quanto anch’essa, a seconda delle stagioni, è molto ricca di vita animale grazie all'abbondanza di acqua permanente. Interessantissimi gli spettacoli dei grandi branchi di animali che si recano all'abbeverata sulle rive del fiume. In barca si raggiunge il lodge previsto per le prossime due notti, situato sulla sponda namibiana. Pranzo in ristorante a Kasane, cena al lodge. 
    Giornata dedicata all’esplorazione del parco, la cui caratteristica principale è la numerosa popolazione di elefanti (oggi in Botswana si presume ne vivano circa 120.000). Gli elefanti di Chobe seguono precise rotte migratorie, facendo spostamenti stagionali di oltre 200 km fra i fiumi Chobe e Linyanti, dove si concentrano prevalentemente nella stagione secca, e le “pans” nel sud-est del parco dove si disperdono invece durante le piogge. Questi pachidermi hanno la reputazione di essere tra i più massicci del continente africano per quanto riguarda le dimensioni del corpo, le zanne invece sono poco sviluppate. Naturalmente anche l’avifauna è particolarmente ricca: aquile pescatrici, oche selvatiche, cicogne, egrette, pivieri, pellicani, etc. Al mattino visita di un villaggio di pescatori, e nel pomeriggio escursione in barca lungo il fiume Chobe. Pranzo e cena al lodge. 
    Dopo aver effettuato un ultimo fotosafari all'interno del parco Chobe, si lascia il Botswana attraversando il posto di confine di Ngoma per entrare in Namibia nella regione del Caprivi. Passando da Katima Mulilo (la capitale delle regione) arrivate al bellissimo e incontaminato parco Mamili.  Il lodge per le prossime due notti si trova al confine settentrionale del parco, nella Conservancy Wuparo che fa parte del programma di conservazione seguito da IRDNC e WWF, ed è costruito sulle rive di uno dei tanti canali del sistema Kwando-Linyanti. Pranzo al sacco, cena al lodge. 
    Mattinata dedicata al fotosafari all’ interno del parco e nel pomeriggio escursione in barca lungo il fiume Lynianti. Il Parco Nazionale del Mamili ora Nkasa Rupara National Park permette di vivere a stretto contatto con la natura come pochi altri posti in Africa. Fino ad alcuni anni fa questo bellissimo parco molto selvaggio non era aperto al turismo. Cullato dalle braccia del fiume Linyanti Kwando a sud, e dalle paludi e lagune a nord, il parco di 32'000 ettari è la più grande zona umida della Namibia. Il parco viene anche chiamato Little Okavango in quanto rispecchia in tutto il più famoso Delta dell'Okavango del Botswana. Dalle sue origini negli altopiani dell'Angola, il fiume Kwando scorre in direzione sud-est per circa 1000 chilometri per poi svoltare bruscamente di 90 ° verso nord-est e diventa noto come il fiume Linyanti (più a est in Botswana lo stesso fiume è chiamato il fiume Chobe!). Il parco ospita la più grande concentrazione di bufali in Namibia oltre un alto numero di elefanti dal mese di giugno a fine ottobre. I predatori sono leoni, leopardi e iene, mentre coccodrilli e ippopotami abbondano nel fiume. Pranzo e cena al lodge. 
    Restiamo nel Caprivi ma ci trasferiamo nel Mahango Game Park. Si tratta di un piccolo parco, a breve distanza a sud di Popa Falls, al confine con il Botswana lungo il fiume Okavango. Il parco è caratterizzato da foreste fluviali, pianure inondate, baobab, ed offre ottime possibilità di osservare molti animali e uccelli. Il Mahango Game Park ha un elevato numero di elefanti così come molte antilopi, tra cui le rare antilopi roane e antilopi nere, tsessebe, il lechwe rosso e il rarissimo sitatunga. Mezza giornata dedicata al fotosafari nel parco, pranzo e cena al lodge.
    Si lascia la Namibia per rientrare in Botswana e arrivare nel Delta del Okavango. Il Delta è un ecosistema unico situato al centro di una delle maggiori distese di sabbia del mondo, il Bacino del Kalahari, proprio come un’oasi in un territorio inospitale. La vegetazione è lussureggiante e l’avifauna è tra le più ricche dell’Africa. Il fiume Okavango ha la propria sorgente nell'Altopiano del Benguela in Angola e prima di penetrare in Botswana attraversa circa 1.300 km di sabbia, poi si allarga e si disperde formando tre corsi principali ed un infinito numero di ramificazioni: canali, pozze e lagune di acqua incredibilmente limpida e pura che coprono una superficie di circa 16.000 kmq. I paesaggi dell'Okavango, le oltre 600 specie di animali e uccelli che vi abitano, la vita acquatica, tutto rende questa parte del continente africano, totalmente sconosciuta ai più, una delle mete più straordinarie. In questo connubio di terra e acqua la natura trionfa: pellicani, egrette, cicogne, aquile pescatrici, pesci tigre, coccodrilli, ippopotami, elefanti e anche, con un po’ di fortuna, predatori. Si raggiunge Maun, che nonostante il notevole aumento del numero di turisti e i recenti ammodernamenti mantiene l’aspetto di una polverosa città di frontiera, e che resta la porta di accesso per il delta dell’Okavango e il Kalahari. Da qui si raggiunge la Mokoro station, per iniziare un’autentica avventura africana nel cuore del delta dell'Okavango, a bordo delle tipiche piroghe originariamente ricavate da un tronco. Cena e pernottamento al campo, preallestito dallo staff. 
    Accompagnato dai ‘polers’, i piroghieri che condivideranno con gli ospiti il loro patrimonio di tradizioni locali e una conoscenza approfondita della zona e della sua flora e fauna, si naviga lentamente tra isole, lagune e canali, per godere di una visione privilegiata di questa natura selvaggia altrimenti inaccessibile; intervallando la navigazione lenta e quasi ipnotica con escursioni a piedi sulle isole più remote. L’itinerario varia a seconda del livello delle acque. Il livello delle piene varia considerevolmente nel corso dell'anno, con livelli più' alti d'acqua nella parte centrale dell'Okavango durante i mesi secchi dell'inverno, e con i livelli più' bassi durante gli ultimi mesi dell'estate, al contrario delle piogge stagionali. Il paesaggio, le attività e l'avvistamento di animali varia notevolmente a seconda del luogo, della stagione e dal livello della piena.  Gli animali sono concentrati attorno alle acque permanenti durante la stagione secca (aprile/ottobre).  La stagione delle piogge (novembre/aprile) rinvigorisce il territorio e offre scenari lussureggianti con un infinità di fiori selvatici, temporali impressionanti e tramonti spettacolari. Secondo pernottamento in campo tendato preallestito, nel cuore della natura selvaggia, il miglior modo per conoscere il Botswana incontaminato dove con il nostro gruppo saremo gli unici ospiti! Le tende possono essere doppie e singole, hanno ampie finestre con zanzariera e nel bagno privato annesso alla tenda c'è un bush-toilet e una doccia calda da campo ad uso esclusivo. I pasti alla sera vengono preparati sul fuoco dal cuoco locale.  
    Si riparte via terra e si raggiunge la ricca concessione Khwai, al confine con la riserva Moremi. Situata ad est del delta dell'Okavango, la Moremi Game Reserve è considerata come una delle più belle riserve in Africa. Ricopre oltre 4871 km2 di natura incontaminata, e i suoi diversi tipi di terreno comprendono savana, corsi d'acqua tortuosi e fitte foreste. Questi diversi ecosistemi ospitano un grandissimo spettro di animali selvaggi, dalle grandi mandrie di bufali, gnu, zebre fino al raro sitatunga, antilope lechwe, leoni, ghepardi e dingo. Anche gli uccelli sono molti e qui si trova la maggior parte delle 550 specie avicole registrate in Botswana. Nel pomeriggio primo fotosafari all’interno della riserva. Pranzo e cena al lodge. 
    Intera giornata dedicata ai fotosafari all’interno della riserva, che incorpora ben il 20% del delta. L’idea di creare una riserva in questa zona risale al 1961 e fu approvata ufficialmente nel 1965. L’area fu estesa nel 1976 per includere Chief’s Island e poi anche nel 1992. Foreste di mopane e di acacie, piane alluvionali e grandi lagune abitate da ippopotami e dove si recano a bere branchi di elefanti si alternano a radure con grossi branchi di zebre ed antilopi. Pranzo nel bush, cena al lodge.
    Di buon mattino rientro a Maun e trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro in Italia. Pernottamento a bordo. 
    Arrivo in Italia.  E’ possibile estendere il soggiorno a Victoria Falls, nel caso è necessario richiederlo al momento della prenotazione. Per ragioni tecnico-operative l'itinerario potrà essere invertito o modificato dalla guida sul posto se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo.  L’itinerario può essere effettuato anche in ordine inverso, cominciando da Maun e terminando alle cascate Vittoria, lasciando comunque invariati i pernottamenti, le escursioni ed i game drives.    

    Perché con noi

    • Un itinerario originale tra i grandi fiumi dell’Africa Australe: Zambesi, Chobe, Okavango
    • Viaggio accompagnato da uno dei nostri esperti 
    • Gruppo composto da massimo 12 partecipanti
    • Sono previsti safari in 4x4, in barca a motore e in mokoro
    • I mezzi utilizzati per i trasferimenti sono Land Cruiser 4x4 con tetto apribile, con massimo 6 persone a bordo più autista. Posto finestrino garantito
    • Per le sistemazioni sono previsti lodge e campi tendati dallo charme africano, piccole strutture ben inserite nel contesto naturale, in ottima posizione. Il richiamo della natura, sentire gli animali vicini, vederli al campo possono essere esperienze uniche da vivere.
         

    I nostri esperti

    CINZIA BUSCONI

    Dal 21  aprile  2022 al 4  maggio  2022

    FRANCESCA SERAFIN

    Dal 1  agosto  2022 al 14  agosto  2022

    Dal 25  agosto  2022 al 7  settembre  2022

    OMAR FRAGOMENI

    Dal 8  settembre  2022 al 21  settembre  2022

    Approfondimenti di viaggio

     VOLII Voli di linea scelti per questo itinerario sono operati, sulla tratta intercontinentale da Francoforte a Johannesburg, da South African Airways, compagnia di bandiera della Repubblica del Sudafrica. I voli di linea dall'Italia a Francoforte sono operati da Lufthansa e quelli da Johannesburg a Maun, punto di partenza dei nostri itinerari, sono operati principalmente dalla compagnia aerea di linea Air Link, vettore sudafricano, consociato di South African Airways [...]