Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • AZTECO MAYA OVERLAND

    MESSICO

  • AZTECO MAYA OVERLAND

    MESSICO

    Viaggi Su misura

    Durata 14 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 2  PARTECIPANTI
    Partenze VALIDITÁ DAL 1  gennaio  2021 AL 31  dicembre  2021

    PREZZO BASE PER 2 PERSONE:  

    2.690€

    PREZZO BASE PER 4 PERSONE:  

    2.090€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    PERSONALIZZA IL TUO VIAGGIO

    RENDILO UNICO SCEGLIENDO I SAPORI, LE ESPERIENZE E GLI HOTEL SELEZIONATI DAI NOSTRI ESPERTI

    Messico

    AZTECO MAYA OVERLAND

    Mexico “on the road” con auto privata e guida/autista lungo la dorsale archeologica Teotihuacan, Monte Alban, Palenque e Chichen Itza. Un viaggio dentro la cultura, la storia e la vita dei messicani. Un itinerario lungo oltre 2000 chilometri tra archeologia, cultura e natura che parte da Città del Messico e finisce sulla riviera Maya.

    ITINERARIO

    Partenza dall’ Italia per Città del Messico con volo di linea (non incluso nelle quote). Arrivo e incontro in aeroporto con il nostro assistente parlante italiano, trasferimento e sistemazione in hotel. 
    Intera giornata dedicata alla visita nella capitale e i suoi dintorni con veicolo privato e guida/autista. A Città del Messico i principali punti di interesse sono Lo “Zocalo”, un termine che sentiremo spesso durante il nostro viaggio in Messico e che indica la piazza principale, dove si trovano la Cattedrale ed il Palazzo Nazionale; il Templo Mayor; la Basílica di Nostra Signora di Guadalupe, patrona del Messico e maggiore centro di pellegrinaggio dell’America Latina; il famoso Museo di Antropologia che costituisce la migliore introduzione al Messico. Imperdibile la visita della Città degli Dei, Teotihuacan, dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1987! La Pirámide del Sol, la Pirámide de la Luna, il Templo de Quetzalpápalotl e la Calzada de los Muertos (la Strada dei Morti che collega tutti gli edifici del complesso archeologico) sono simboli della civiltà teotihuacana, una delle civiltà più antiche dell’America Centrale. 
    Oggi comincia la nostra avventura overland verso i caraibi messicani. Arrivo a Puebla, una cittadina coloniale molto animata il cui antico nome era la Città degli Angeli (Puebla de Los Angeles), famosa per i colori vivi dei suoi edifici, per i mercati e i palazzi coloniali. Pernottamento in hotel. Ecco alcune delle attrazioni di Puebla: lo Zòcalo, centro storico dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco; la maestosa chiesa di Santo Domingo al cui interno si trova la Capilla de la Virgen del Rosario, un esempio di architettura barocca coloniale realizzata interamente in oro; l’ex convento di Santa Rosa, dove venne inventato il famoso Mole Poblano, piatto tipico della città; il Fuerte de Loreto, simbolo dell’orgoglio messicano e della disfatta francese, da cui si gode di una meravigliosa vista della città dall’alto. Infine passeggiare per le vie della città alla ricerca di Talaveras, le variopinte ceramiche decorate a mano.  
    Dopo la colazione partenza per Oaxaca, arrivo e sistemazione in hotel. Resto della giornata libera e pernottamento. Oaxaca si pronuncia Uahàka. Come in tutte le città del Messico, anche qui il cuore della città è lo Zocalo, da cui si diramano numerose stradine punteggiate di case colorate. Oaxaca, oltre che per i monumenti, i musei e le gallerie d’arte, è famosa per il Mezcal, il distillato d’Agave tradizionalmente imbottigliato con una larva viva, potete sorseggiarne un po’ in una qualsiasi delle tante mezcalerias sparse per la città. 
    Intera giornata a disposizione per visitare la città e gli importanti dintorni storici. Pernottamento. Il Tempo de Santo Domingo è uno dei luoghi più famosi della città, la cattedrale è tanto semplice all’esterno quanto opulenta all’interno, con dettagli barocchi in oro e pietra. Per cogliere la vera atmosfera oaxaqueña immergetevi in un mercato locale e avrete la possibilità di trovare del cioccolato artigianale, la famosa salsa mole e un’infinita varietà di spezie. Oaxaca sorge su quello che un tempo era il regno zapoteca, di cui ci restano alcuni importanti testimonianze archeologiche come Mitla e Monte Albàn. A Mitla si potranno ammirare mosaici raffinati e tombe ricoperte da disegni geometrici, si trattava del principale centro religioso per gli Zapotechi, poi riutilizzato anche dai mixtechi; Monte Albàn fu la capitale dell’impero zapoteco e resistette per circa 1000 anni, qui si trovano sia edifici cerimoniali che residenziali oltre che un grosso numero di statue “danzantes”, raffiguranti uomini sottoposti a torture (fu una prima errata interpretazione a dare il nome alle sculture). 
    Dopo la colazione partenza per Tehuantepec. Un percorso lungo la Sierra Madre del Sur fino a raggiungere l’Oceano Pacifico, qui mai così vicino all’Atlantico, infatti siamo sull’istmo messicano di Tehuantepec, dove soli 215 km dividono i due oceani.   Tehuantepec è una città coloniale con spiccata tendenza matriarcale non a caso Frieda Kahlo è spesso raffigurata con la famosa tunica Tehuantepec un abito da donna ricamato pesantemente e tipico di questa regione 
    Dopo la colazione partenza per il Chiapas. Lungo il percorso sosta Chiapa de Corzo per visitare il Parco nazionale del Canyon del Sumidero, un enorme canyon dalle pareti verticali che si innalzano fino a 1000 metri d’altezza un percorso in barca a motore accompagnati dagli sguardi dei coccodrilli sulle rive e dalle grida delle scimmie urlatrici.Al termine proseguimento per San Cristóbal de las Casas. Arrivo e sistemazione in hotel. 
    Giornata a disposizione per la visita di San Cristobal e i suoi dintorni. Pernottamento in hotel.  A pochi chilometri da San Cristóbal vivono le comunità indigene di San Juan Chamula e Zinacantan, dove le tradizioni vengono saldamente conservate. La lingua parlata dagli abitanti di queste comunità, lo Tsotsil, è una delle poche cose che i due villaggi hanno in comune, mentre vestiti, tradizioni e rituali si differenziano parecchio. Qualsiasi cosa decidiate di fare a Chamula non tralasciate di entrare nella chiesa di San Juan, che è già di per sé un viaggio: una volta varcata la soglia decorata non troverete banchi, ma un tappeto di aghi di pino e candele. Non ci saranno preti, ma famiglie impegnate nei propri riti ancestrali, chi con candele, chi con galline da sacrificare, chi con bottiglie di coca cola da trangugiare per poter espellere (molto sonoramente) il maligno. Le icone e le statue sono gli unici elementi a ricordarci che ci troviamo in una chiesa cristiana, ma anche queste sono state adattate alla cultura preispanica, con vestiti coloratissimi e specchi appesi al collo. Imprimete quanto potete nella vostra memoria, perché qui è severamente vietato fare foto, pena l’espulsione dalla chiesa.Zinacantan è invece famosa per la coltivazione di fiori, che esportano in tutto il Paese. I vestiti sono la prima cosa che si nota arrivando qui, perché sia uomini che donne indossano abiti floreali dai colori sgargianti, principalmente rosa e viola anche se ciclicamente vengono introdotti nuovi colori, facendo sembrare tutto un gigantesco caleidoscopio. Anche San Cristòbal è molto interessante, la cittadina coloniale di San Cristobal vi incanterà attraverso i colori dei suoi quartieri, la vivacità del suo mercato locale, dove è possibile ammirare il lavoro artigianale degli indigeni locali, e le famose chiese, tra le quali spicca la barocca Santo Domingo.  
    Lungo il percorso sosta al carosello di cascate di Agua Azul. Le cascate di Agua Azul sono una serie di salti d’acqua su roccia chiara levigata, che si fanno spazio all’interno di una giungla molto suggestiva. In alcune delle pozze con meno corrente è anche possibile fare il bagno. Arrivo in serata a Palenque, sistemazione e pernottamento. 
    Mattina dedicata alla vista del sito archeologico di Palenque, nel pomeriggio proseguimento per Campeche, città barocca dal cuore coloniale, circondata ancora oggi da una parte dell’antica muraglia che la difendeva dagli attacchi dei pirati francesi, olandesi e inglesi. Arrivo sistemazione in hotel.  La zona archeologica Maya di Palenque deve il suo fascino al fatto di essere racchiusa nella giungla tropicale, che ne ha celato l’esistenza per molto tempo e che ancora adesso ricopre parte delle strutture. Le architetture principali del sito sono il Tempio delle Iscrizioni, uno dei monumenti funebri più importanti del Centro America; il complesso del Palazzo, un insieme di edifici, corti e torri connessi tra loro; il gruppo delle Croci, diversi templi adagiati su una piramide a gradini.  
    Dopo la colazione partenza per Merida, lungo il percorso sosta nella zona archeologica di Uxmal. Arrivo a Merida sistemazione in hotel. Uxmal è una delle più importanti testimonianze della civiltà Maya, e conta su alcuni elementi architettonici unici nel loro genere, come la Piramide dell'Indovino, di forma ellittica. Fra le altre strutture importanti ci sono il Quadrilatero delle Monache, che deve il suo nome alla somiglianza che i conquistadores videro con un monastero, il Campo del gioco della pelota, il palazzo del Governatore, la Casa delle tartarughe, la Gran Piramide e la Colombaia. Merida viene definita la “città bianca” per i suoi edifici coloniali, intonacati di bianco. Si consiglia una sosta allo “zocalo” dove è molto facile trovare qualche improvvisazione di ballo, la visita della Cattedrale, il Palazzo del Governo, il Palazzo Municipale e la Casa de Montejo, un tempo caserma e poi trasformata in residenza privata della famiglia Montejo. 
    Partenza per Cancun, lungo il percorso sosta a Chichen Itza la più conosciuta tra le zone archeologiche Maya, visita e al termine proseguimento per Cancun . Arrivo e sistemazione.  Chichen Itza si distingue in due zone architettoniche: la zona sud è un esempio delle prime costruzioni in stile maya puuc (lo stesso di Uxmal) e risale al VII secolo; la zona centrale risale invece al X secolo e fu costruita dopo l'arrivo dei toltechi rappresentando il simbolo della mescolanza tra lo stile architettonico puuc con quello dell'altopiano centrale del Messico.   
    Dopo la colazione tempo libero e trasferimento privato in aeroporto, in tempo utile per il volo di rientro in Italia (non compreso nelle quote)Pasti e pernottamento a bordo.  
    Arrivo in giornata.  

    Perchè con Kel12?

    • Quarant’anni di esperienza in spedizioni e viaggi culturali
    • Staff locale gestito direttamente
    • Guide e assistenti in loco
    • Contatto per le emergenze h24 in italiano
    • Pianificare il tuo viaggio “on demand” con i nostri Specialist, risorse interne al nostro staff che conoscono molto bene la destinazione e che metteranno a disposizione la loro professionalità al servizio dei clienti. Un servizio che non tutti possono offrire “on demand” e che noi mettiamo a disposizione on line su appuntamento.

    Approfondimenti di viaggio

    I trasferimenti via terra sono effettuati con veicolo privato e guida/autista parlante italiano, le strade sono generalmente in buone condizioni. Il percorso on the road è un occasione per un rapporto più ravvicinato con la realtà locale, e possibilità di visitare luoghi altrimenti non raggiungibili. Indichiamo chilometraggi e tempi medi di percorrenza con l’ovvia avvertenza che le specifiche condizioni locali potrebbero modificarne i tempi previsti con le conseguenti variazioni nello [...]