CAPODANNO TRA ASMARA E LE ISOLE DAHLAK

ERITREA

  • CAPODANNO TRA ASMARA E LE ISOLE DAHLAK

    ERITREA

    Dune - Viaggi Spedizione
    Durata 11 giorni
    Partecipanti minimo 8 massimo 12  partecipanti
    Partenze
      2024
    • Dal 29  dicembre  al 8  gennaio  
      In conferma

    A PARTIRE DA:  

    3.980€

    Eritrea

    CAPODANNO TRA ASMARA E LE ISOLE DAHLAK

    Un viaggio in tre tappe, alla scoperta dell’Eritrea. Punto di partenza Asmara, con la sua architettura tipicamente italiana, le case in stile Impero, le insegne che ricordano il Bel Paese. Quasi un set di un film felliniano, dove anziani signori, in abito bianco e paglietta coloniale, passeggiano appoggiandosi a sottili bastoni di bambù e sorseggiano il caffè in un bar dal nome italiano. Poi c’è Massawa, l’ambitissimo porto sul Mar Rosso, conteso per secoli da Portoghesi, Arabi, Egiziani, Turchi, Inglesi e Italiani. Un centro di commercio che ha visto passare di tutto: schiavi e perle, giraffe e struzzi, mirra e incenso. E che, ancora oggi, affascina i viaggiatori per il suo stile un po’ decadente. Infine, le isole Dahlak, da scoprire con una minicrociera di tre giorni. Un arcipelago arido, spoglio e pianeggiante, con una barriera corallina, però, da fare invidia. Non a caso è uno dei luoghi prediletti al mondo da chi pratica snorkeling o fa immersioni.

    Itinerario di viaggio

    Partenza da Milano con volo di linea Turkish Airlines via Istanbul e proseguimento per Asmara. Arrivo in tarda serata, disbrigo delle formalità doganali e trasferimento in hotel. Pernottamento in hotel.   
    La giornata sarà dedicata alla visita dei luoghi e monumenti più significativi della città. Situata sull'altopiano a 2.355 metri di altezza, Asmara presenta l'architettura tipicamente italiana degli anni '30: grandi viali alberati, tipiche case di stile “impero” con angoli arrotondati e ancora molte insegne in italiano (Bar Roma, Cinema Odeon, Caffè Alba, La casa degli italiani ...). Poi monumenti religiosi all’insegna della tolleranza (cattolici, copti, musulmani), piccoli angoli nascosti e belvedere che dominano la città.  Ad Asmara si respira un’aria strana e gioiosa, si sente parlare italiano e chi non lo sa quasi se ne scusa, dimostrando comunque grande gentilezza ed una voglia profonda di farti sentire ben accetto. Sembra di essere sul set di un film felliniano: anziani signori in abito bianco e paglietta coloniale passeggiano appoggiandosi a sottili bastoni di bambù, sorseggiano il caffè in bar senza tempo dai nomi familiari, hanno voglia di discorrere. Eppure siamo in una città dalla grande voglia di modernizzazione che cerca di scrollarsi di dosso i molti, troppi anni di guerra e di lotta per l’indipendenza e l’autonomia: sono quelli gli anni che pesano sulle nuove generazioni, mentre il periodo del colonialismo italiano è considerato più per le cose fatte che per quelle distrutte. Pranzo e cena liberi, pernottamento presso l’Asmara Palace o similare.   
    Prima colazione in hotel.  In mattinata, se possibile, partenza lungo una strada “nuova” estremamente panoramica che solca come una ferita un territorio prima di verdi colline, isole di eucalipti e ripide scarpate poi sempre più arido, aspro e torrido. Si percorrono i paesaggi della Rift Valley, la più grande “valle” del mondo che dal Mar Morto fino al Mozambico spacca praticamente in due parti il continente africano. In Eritrea la faglia attraversa completamente il piccolo Paese e le decine di vulcani la cui intensa attività plasmò il paesaggio che ammiriamo ora, pur essendo quasi tutti estinti, sono ancora “riconoscibili” nelle gigantesche caldere e negli enormi coni che caratterizzano il panorama. Pranzo libero e, nel pomeriggio, annunciata da un lungo tratto di savana ecco Massawa, l’ambitissimo porto naturale vicino all’estuario del Mar Rosso e dell’Oceano Indiano che per secoli è stato l’ambito obiettivo delle potenze straniere: dai Portoghesi agli Arabi, dagli Egiziani ai Turchi, dagli Inglesi agli Italiani. Partenza immediata con barca a motore privata per le Isole Dahlak, un insieme di circa 350 isole (in realtà solo 209 costituiscono veramente l’arcipelago!) in gran parte aride, spoglie e pianeggianti situate su una bassa piattaforma continentale al largo della costa eritrea. Tre giornate sono dedicate alla scoperta di alcune delle prime isole: la coppia delle gemelle Durgaam e Durghella con le bianche spiagge e la bella barriera corallina; lo stupendo banco sabbioso di Madote che si staglia come una striscia luminosa dalle acque turchine del mare; la piatta Dhalak Kebir, l’isola più grande, con una storia ancora più grande alle spalle; l’aridità vulcanica della grande Dissei dove vive una comunità di pescatori Afar; …. Magnifiche le opportunità per gli amanti del mare: camminate sulle bianche spiagge, stupendi bagni in acque trasparenti e calde, snorkelling su barriere coralline fra le più belle del mondo. Pensione completa e pernottamento in campo tendato mobile sulla spiaggia. IMPORTANTE: per i  giorni di mare sulle isole portare solo un piccolo bagaglio con l’indispensabile e lasciare il resto in albergo ad Asmara, la distanza percorsa in barca veloce è di circa  50-60 miglia marine. 
     
    Possibilità di escursione alla vicina Qohaito (2.700 m s.l.m.). Un dibattito che appassiona gli storici di questo paese riguarda le rovine di Qoahito, situata 120 km a sud di Asmara. Potrebbero essere infatti le mura dell’antica città di Koloe, centro commerciale di rilievo durante l’epoca di maggior espansione del grande regno degli axumiti ma anche se non lo fossero queste rovine, che si estendono su una vastissima zona (2,5 km per 15 km), sono la testimonianza del ruolo che ebbe questo luogo nell’antichità. Sebbene per ora solo il 20% del sito sia stato portato alla luce dagli scavi, la visita delle rovine richiede tutta la giornata. Questa località durante il periodo axumita costituiva una delle principali stazioni di transito lungo la via carovaniera che collegava l’antico porto di Adulis sul Mar Rosso a sud di Massawa fino alla capitale del regno, Axum, ed agli altri centri dell'altopiano.              Si pensa che le quattro colonne del Tempio di Mariam Wakiro, circondate dalle polverose rovine di almeno mezza dozzina di templi, appartenessero in origine a una chiesa cristiana. A nord di questo sito si trova una Tomba Egiziana sotterranea scavata nell’arenaria, che deve il suo nome (Meqabir Ghibtsi) non tanto alla provata appartenenza a questa civiltà, quanto alle sue vaste dimensioni. Il monumento più significativo di Quhaito, per dimensioni e per importanza storica, è la grandiosa Diga di Saphira, una diga in muratura lunga oltre 60 m, costruita con ogni probabilità intorno all’anno Mille. In diversi siti, tra i quali la grotta di Adi Alauti, sono visibili incisioni e pitture rupestri. Sui muri di uno di questi ripari sono dipinte oltre 100 figure. L'ambiente è costituito da formazioni calcaree erose da fenomeni carsici molto spettacolari ai piedi dell’Amba Soira, la montagna più alta dell’Eritrea (3.013 m). Rientro ad Asmara in serata.  L’escursione è facoltativa, a pagamento, non garantita ma soggetta a disponibilità dei permessi rilasciati dalle autorità locali.  
    Oggi assisteremo alla messa celebrata in italiano nella cattedrale di Asmara. Dopo pranzo partenza per Keren lungo una ripida e spettacolare strada che scende dall'altopiano fino a questa cittadina a quota 1.220 m, crocevia di quanti si recano a Khartoum, in Sudan, o da qui arrivano in Eritrea. Lungo la discesa si notano i primi baobab e le acacie ombrellifere prendono il posto delle euforbie. Poco prima della città si trovano grandi frutteti piantati un tempo dagli italiani. Se Asmara ci è sembrata una città dal ritmo rilassato, non possiamo mancare la visita a Keren. La terza città eritrea per ordine di grandezza, è situata in una bella regione a nord della capitale, su un piccolo altopiano circondato da montagne. Nonostante la sua importanza commerciale, questo centro ha mantenuto un carattere riservato e il piacevole ritmo delle piccole città. Sistemazione in albergo (il migliore della città, modesto). Pasti liberi.  
    Gli abitanti di Keren non hanno sempre avuto la vita facile: durante la seconda guerra mondiale la città fu testimone di scontri armati tra gli italiani e gli inglesi. Durante i vent’anni in cui la lotta armata imperversò, Keren fu il teatro di violenti scontri tra le forze indipendentiste e le truppe etiopiche. Numerose testimonianze di guerra sono conservate al cimitero britannico e al cimitero italiano. Nei pressi del mercato cittadino si trova il Santuario di St Maryam Dearit, al cui interno si trova un vecchio baobab al quale sono attribuiti poteri di fecondità. Tradizionalmente si crede che il baobab eserciti una mistica influenza sulle donne che preparano del caffè all’ombra dei suoi rami, le quali sarebbero invase dalla fertilità nel momento in cui un viaggiatore di passaggio ne accettasse una tazza. L’antico quartiere residenziale è pervaso dall’architettura di stile italiano. Il Tigu, il forte egiziano, offre un bel panorama sulla parte nord-orientale della città. Pranzo libero.Questa mattina avremo la possibilità di assistere all’animato mercato settimanale del bestiame, su una vasta area si trovano dromedari, ovini, bovini insieme a venditori e compratori che giungono dalle aree circostanti. Nel pomeriggio percorso di rientro ad Asmara. Pasti liberi, pernottamento in hotel.  
    Prima colazione e completamento delle visite della città. Tempo a  disposizione per relax e visite individuali. Asmara è una specie di foglio bianco dove gli architetti italiani del ventennio fascista, lontani da vincoli e costrizioni della madre patria, poterono disegnare la città dell'utopia. Un luogo dove cimentarsi con i più diversi stili architettonici in voga nei primi decenni del secolo scorso in Europa. Pasti liberi e in serata trasferimento in aeroporto per il volo su Istanbul. Pernottamento a bordo.    
    Arrivo a Milano al mattino presto. Per ragioni tecnico-operative l'itinerario potrà essere invertito o modificato dalla guida e/o accompagnatore sul posto se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo. In particolare durante il soggiorno alle isole il programma viene deciso giornalmente dal comandante in base alle condizioni atmosferiche, del vento e del mare.   

    Perché con noi

    • Ad accompagnare il gruppo c’è un nostro Esperto 
    • È un nostro tour esclusivo 
    • utilizziamo le migliori strutture in loco
    • Alle Isole Dahlak le notti sono in campi mobili pre-allestiti di tipo glamping: il campo è organizzato con tende igloo m. 3,00 x 3,00 x 1.80 con copertura impermeabile (ogni due persone) al cui interno ci sono due lettini da campo, sacco a pelo leggero e cuscino.  E’ prevista una doccia da campo con acqua riscaldata al sole (tipo “bucket shower”) e un wc da campo a seduta.  

    I nostri esperti

    MATTEO BERETTA

    Dal 29  dicembre  2024 al 8  gennaio  2025

    Approfondimenti di viaggio

    VOLII Voli di linea scelti per questo itinerario sono operati dalla compagnia di bandiera TURKISH AIRLINES sui cui orari ed operativi è stato elaborato il programma di viaggio. Segnaliamo che sono possibili cambiamenti di orari e di aeromobili non dipendenti dalla nostra volontà che potrebbero determinare modifiche all’itinerario di viaggio.                 MEZZI DI TRASPORTOPer i trasferimenti saranno utilizzati minibus, di grandezza diversa a [...]