KASHMIR, ZANSKAR E LADAKH

INDIA LADAKH

  • KASHMIR, ZANSKAR E LADAKH

    INDIA LADAKH

    Dune - Viaggi Spedizione
    Durata 14 giorni
    Partecipanti minimo 10 massimo 16  partecipanti
    Partenze
      2024
    • Dal 10  agosto  al 23  agosto  
      In conferma

    A PARTIRE DA:  

    5.700€

    India - Ladakh

    KASHMIR, ZANSKAR E LADAKH

    Un itinerario paesaggisticamente strepitoso! Dalle verdi vallate del Kashmir alle vette scabre del Ladakh, incontrando due culture diametralmente opposte, quella musulmana e quella buddhista. Ci rechiamo in Kashmir, Zanskar e Ladakh tra regioni himalayane affascinanti e avventurose. Un viaggio che inizia nel dolcissimo quanto sfortunato Kashmir, perla dell’India trascurata per tanti anni dal turismo per la sua spinosa situazione politica, per salire poi verso l’aria sottile dei tremila, quattromila, cinquemila metri dei passi himalayani superati con una strada fra le più spettacolari e coraggiose del mondo.  Un esplorare in tenda fra valli incontaminate e tuttora frementi di fede  buddhista, monasteri che sembrano usciti da un libro di leggende, e un popolo semplice,  forte e sorridente come solo le montagne più alte della Terra potevano forgiare. Per i grandi viaggiatori dotati di spirito d'avventura, amanti della cultura millenaria, della filosofia buddhista e dei grandi patrimoni artistici.

     

    Itinerario di viaggio

    Partenza con volo di linea da Milano o da Roma per Delhi con uno scalo intermedio. Arrivo prima di mezzanotte. Una volta terminate le formalità di ingresso, trasferimento e sistemazione in Hotel.  
    In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza per Srinagar (1730 metri slm). L’arrivo è previsto verso mezzogiorno; trasferimento e sistemazione nelle  house boat, le case galleggianti cullate dalle acque dei laghi Dal e Nagin, che divennero numerose verso la fine dell’800, in quanto il maharaja della città non permetteva agli inglesi di possedere dimore fisse nella valle. Oggi conservano il fascino “old England”. Siamo nel Kashmir, sulla cima dell’India, una valle tempestata di boschi, di paesini sospesi in un cielo perennemente cobalto e di prati fioriti. Questa fu la zona preferita dagli imperatori mughal che fecero costruire attorno al lago Dal quattro romantici giardini. Il pomeriggio è dedicato alla visita di Srinagar, la “città felice della bellezza e della conoscenza”, affollata e pittoresca, immersa in un’atmosfera tipicamente centro-asiatica, eppure i suoi abitanti sembrano distinguersi da quelli del resto dell’India, tanto che le vie che portano a sud vengono sempre indicate come “quelle che riportano in India”. Sulle rive del Dal visiteremo il giardino Shalimar, voluto dall'imperatore Jahangir per la sua regina Nur Mahal. Pensione completa a bordo delle houseboat (2 o 3 in base al numero dei partecipanti) e pernottamento. Le camere delle houseboat sono spaziose e arredate con mobili in stile, seppur non lussuosi; sono dotate di ventilatore a pale da soffitto e di bagni con vasca, lavandino e wc, con acqua corrente fredda e tiepida. L’elettricità è fornita sulle 24 ore e generalmente c’è connessione wi-fi. Ogni houseboat è dotata di sala da pranzo, soggiorno e piccola veranda esterna con vista sul lago.Le camere all’interno delle houseboat dispongono di letto matrimoniale.  
    Si parte presto al mattino per l’esperienza indimenticabile di assaporare un giro sul Lago in shikara (imbarcazione simile alle nostre gondole). Su questo lago intere comunità vivono da secoli a bordo di case galleggianti, senza necessità di scendere mai a terra. I mercanti, il dottore, il sarto, tutto arriva navigando. Particolarmente suggestivo è il mercato degli ortaggi, su barche -bancarella, all'alba nel mezzo del lago. Proseguimento per Kargil. L'arrampicata su per le montagne comincia subito, appena lasciata Shrinagar. Prima tappa, un'ottantina di chilometri e mille metri più in su: Sonamarg, letteralmente "passo d'oro", ultimo centro abitato del Kashmir. Dopo di che, la strada comincia il suo vertiginoso zig zag verso il passo di Zoji-La (3450 mt), che segna il passaggio tra il panorama del Kashmir, con la flora montana e i larici alpini, e quello assolutamente privo di vegetazione del Ladakh. Kargil, ad un’altitudine di 2750 metri sulle rive del fiume Suru, era un punto di transito sulla rotta carovaniera verso la Cina, il Tibet e lo Yarken fino al 1949. Si entra in Ladakh. Qui le vette più elevate del mondo fanno da quinta a deserti lunari attraversati dal corso settentrionale dell’Indo. Terra di campi di grano, d’orzo e di miglio, terra di monasteri arroccati sulle colline.Sistemazione in semplice albergo.  Pranzo in ristorante; cena in albergo.   
    Il paesaggio della Valle di Suru da Kargil a Rangdum è un paradiso di vegetazione e di acqua che scorre impetuosa nel fiume e nei canali d’irrigazione. Man mano che si sale, lungo la strada stretta che segue le pieghe della roccia, i villaggi si fanno sempre più minuscoli, pugni di case di mattoni di fango nascoste tra campi di grano e boschetti di pioppi. Dietro una curva, la valle si allarga inaspettatamente, chiusa in fondo dal bastione dell’Himalaya: le due vette del Nun-Kun con i loro settemila metri, annunciano l’ingresso nel regno delle nevi. Sosta nel villaggio di Sanku, il più grande della zona con un bel bazar ricco di negozi e ristorantini e nel villaggio di Panikhar, all’ombra del massiccio Nun-Kun. La Valle di Suru è abitata ancora da musulmani, ed il confine religioso lo si raggiunge a Rangdum dove bandiere di preghiera, stupa ai bordi della strada e case in stile tibetano ne sono la testimonianza. Pranzo picnic a Parkachik. Proseguimento per Rangdum con sosta per la visita suo monastero, che regna solitario tra le pasture degli yak ricche di stelle alpine. Fu fondato nel XIX secolo su una collina rocciosa nel cuore della valle.Cena e pernottamento in campo tendato mobile a Rangdum (tenda tipo canadese con materassino, lenzuolo e piccolo cuscino). 
    Partenza verso Tungri e, superato il Pensi La (4400 metri), punto più alto del viaggio, si entra nella valle dello Zanskar. Si attraversano i principali villaggi di Akshow, Abran, Hamiling, Skyagam & Phey Padum, la capitale dell'antico regno di Zanskar.Padum (3505 m) è l'attuale sede amministrativa della regione. Con una popolazione di circa 1500 abitanti, Padum è considerato l'insediamento più popoloso di Zanskar.Pranzo picnic. Cena e pernottamento in resort-campo tendato fisso vicino al villaggio di di Padum.  
    Abbarbicato su una superficie rocciosa che si affaccia sul villaggio sottostante, che appare come un’oasi, troviamo il pittoresco monastero di Stongde. Siamo sulla strada tra Padum e Zangla. Lo Zanskar è una valle del Ladakh, una delle più antiche regioni abitate del mondo, con valli selvagge e solitarie a più di 4000 metri nel cuore dell'Himalaya. Il suo nome deriva dal fiume che l’attraversa, affluente dell’Indo. È popolata da circa 14000 persone di origine tibetana e di stretta osservanza buddhista. Quello di Tongde è il secondo complesso monastico per grandezza di tutto lo Zanskar ed è abitato da una comunità di una sessantina di Lama. La salita al monastero è un po’ faticosa ma la splendida vista dall’alto ripaga totalmente della fatica per raggiungerlo. Proseguimento per Tsazar per ammirare gli affreschi di squisita fattura nel vecchio monastero ed arrivo a Zangla, nella zona più a nord della vallata. Zangla fu governata da un re fino a 20 anni fa. Il vecchio castello in rovina domina la valle dalla cima di una collina. Nelle vicinanze si trova un vecchio convento di monache buddhiste che merita una visita per osservarne l’austero stile di vita.Pranzo picnic. Cena e pernottamento in resort-campo tendato fisso. 
    A Sani protetto da un muro di cinta ed ombreggiato da rari alberi, vi è l’antico monastero che custodisce una statua dell’antico predicatore Naropa totalmente coperta da veli e lo stupa con i resti di Kanishka, un maestro che visse intorno all’anno mille; alcuni degli affreschi che emergono dalla penombra degli interni di questo luogo suggestivo sono attribuiti a Zadpa Dorje. Immediatamente fuori dal complesso monastico si trova un vecchio cimitero circondato da un anello di antiche sculture di pietra, che riflettono l’influenza artistica indiana. Visita allo spettacolare monastero di Zongkhul costruito intorno a due grotte che la leggenda vuole siano state il luogo di meditazione del famoso maestro Naropa, autore del testo sui sei yoga, una delle guide esoteriche principali utilizzate ancora oggi dagli yogi tibetani. Le pareti delle grotte conservano antichi dipinti attribuiti a Zadpa Dorje, celebre pittore dello Zanskar nel XVIII secolo.Pranzo a pic nic, cena e pernottamento in resort-campo tendato fisso. 
    Dopo la prima colazione visita al monastero di Bardan (15 km). Il Bardan Gompa è un monastero buddista risalente al XVII secolo. Secondo una leggenda il sito del monastero fu scelto dopo che un corvo raccolse la lanterna di Lama Barawa che la lasciò cadere qui. Il Bardan Gompa è un monastero costruito a forma di fortezza e si trova in cima a uno sperone roccioso nella valle di Lugnak. La sala di preghiera principale ospita diversi murales antichi, statue di divinità buddiste e piccoli stupa costruiti in bronzo, argilla, legno e rame. Al pomeriggio partenza per Karsha (18 km), un villaggio ricco di alberi e coltivazioni. Già da lontano appare davanti ai nostri occhi il più grande monastero Gelugpa dello Zanskar del XII secolo, fondato da Pagpa Sherap ed oggi abitato da più di 150 monaci. Il monastero ha diverse cappelle, quasi 150 celle per i Lama residenti, molti oggetti di grande valore artistico come statue e manufatti in rame e bronzo. Di particolare interesse è il Lhabrang, un ampio tempio le cui pareti sono decorate ancora con gli affreschi datati oltre 300 anni. Dopo la visita ritorno a Padum. Pranzo, cena e pernottamento al resort-campo tendato fisso. 
    Dopo colazione trasferimento dalla Padum Valley a Lingshed. Pic nic lungo la strada. Dopo pranzo visita al monastero di Lingshed. Appartenente alla scuola buddhista dei Gelugpa, Lingshed venne fondato nel 1440 da Changsems Sherabs Zangpo, discepolo di Je Tsongkhapa, in un sito monastico precedentemente fondato dal traduttore Rinchen Zangpo.Cena e pernottamento in campo tendato mobile a Lingshed (tenda tipo canadese con materassino, lenzuolo e piccolo cuscino). 
    Si prosegue per Lamayuru. Lungo la strada passeremo attraverso il passo Singay La (5200 metri), il villaggio remoto di Photoksar e il passo Sirsir La (4900 metri) per raggiungere Wangla e il collegamento con la NH 01. Andando avanti verso Lamayuru si entra nella “valle della luna”, dove le bizzarre erosioni, secondo la tradizione, indicano la presenza di un antico lago che si dice sia stato fatto defluire dal santo Naropa, che passò qui un lungo periodo di meditazione, ragion per cui quest’oasi è considerata una terra pura. Visita del monastero, posto arditamente tra pinnacoli di roccia come un castello delle fiabe, sospeso su formazioni erose che sovrastano il villaggio circondato da montagne completamente desertiche; è uno dei contesti naturali più pittoreschi del Ladakh. Proseguimento per Uleytopko (a circa 50 km da Lamayuru).Pranzo in ristorante locale. Cena e pernottamento in Hotel o Campo-Resort. 
    Nei pressi di Uleytopko vi sono dei monasteri che meritano di essere visitati. Il primo che si incontra, sulle rive del fiume Indo, è il santuario di Alchi, uno dei più antichi del Ladakh. Secondo gli storici, il monastero fu fondato nell’XI secolo da Kal-dan Shes-rab, un nobile tibetano che si trasferì in questa regione per sfuggire alla corrente induista e islamica. Per questo qui si trova uno squisito sapore tibetano.Conosciuto come un paradiso per la meditazione, il monastero di Rizong si affaccia sulla Valle dell'Indo. Il monastero ha un significato speciale per i buddhisti tibetani, poiché si ritiene che Guru Padmasambhava abbia meditato nelle grotte intorno a Rizong. Situato a 73 km da Leh, la capitale del Ladakh, il monastero appartiene alla setta Gelugpa. Rizong fu fondato da Lama Tsultim Nima nel 1831. Pare che i lama fossero soliti meditare nelle grotte intorno a Rizong in isolamento, sopravvivendo con un solo pasto al giorno ed evitando qualsiasi contatto con il mondo esterno. Prima della costruzione del monastero, Lama Tsultim Nima aveva aperto un eremo nel sito per insegnare ai monaci il buddismo.Pranzo, cena e pernottamento in Hotel o Campo-Resort. 
    Impiegheremo la mattinata nell’escursione verso uno dei monasteri più famosi del Ladakh: il monastero di Hemis. Questo centro è particolarmente famoso per le danze religiose che vengono tenute in primavera. L’insieme deve il suo fascino alla particolarità architettonica dettata dall’influenza del territorio del Baltistan e alla sua particolarmente indovinata collocazione nell’ambiente montagnoso circostante. Il monastero è accolto dalla montagna che dispiega tutte le stratificazioni del suo travagliato passato geologico. Terminata la visita del monastero si prosegue per l’area di Leh. Tempo a disposizione nel pomeriggio.Pranzo, cena e pernottamento in resort. 
    La mattina presto, trasferimento all’aeroporto e partenza per Delhi. Il pomeriggio sarà dedicato alla visita di alcuni monumenti principali della città.Sistemazione in camere ad uso giornaliero in Hotel (le camere sono disponibili normalmente solo dalle ore 12.00). In serata ci si trasferisce in aeroporto per il volo diretto in Italia.Pensione completa. 
    Viaggio notturno per l’Italia con uno scalo intermedio. Arrivo a Milano o Roma in mattinata.    1. Srinagar          2. Uleytokpo          3. Lago Dal   

    Perché con noi

    • Itinerario paesaggisticamente strepitoso dalle verdi vallate del Kashmir alle vette scabre del Ladakh, attraversando due culture diametralmente opposte, quella musulmana e quella buddhista
    • Si dorme per 4 notti in nuovo campo fisso dotato di tutti i comfort nella valle dello Zanskar
    • Si utilizzano comodi fuoristrada con soli tre passeggeri a bordo e, per ciascuno, il posto vicino al finestrino garantito

    I nostri esperti

    ANGELICA PASTORELLA

    Dal 10  agosto  2024 al 23  agosto  2024

    Approfondimenti di viaggio

     L’altitudine, seppur mediamente inferiore a quella di altri paesi himalayani, può dare nei primi giorni un lieve fastidio.I trasporti in Kashmir e Ladakh saranno effettuati con fuoristrada tipo Toyota Innova (o similare) utilizzati con un massimo di 3 passeggeri + autista. Ci preme segnalare che l’utilizzo di comode vetture con soli tre passeggeri a bordo, permette di avere il posto vicino al finestrino e più spazio per il proprio bagaglio personale. È importante usare valige [...]