Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • LADAKH E PUNJAB

    INDIA LADAKH

  • LADAKH E PUNJAB

    INDIA LADAKH

    Viaggi Su misura

    Durata 13 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 2  PARTECIPANTI
    Partenze VALIDITÁ DAL 1  gennaio  2021 AL 31  dicembre  2021

    PREZZO BASE PER 2 PERSONE:  

    2.240€

    PREZZO BASE PER 4 PERSONE:  

    2.000€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    PERSONALIZZA IL TUO VIAGGIO

    RENDILO UNICO SCEGLIENDO I SAPORI, LE ESPERIENZE E GLI HOTEL SELEZIONATI DAI NOSTRI ESPERTI

    Ladakh - India

    LADAKH E PUNJAB

    Un viaggio tra maestosi paesaggi, antiche tradizioni e sacre religioni. Si partirà dal Punjab, la terra dove la cultura Sikh vide origine e le città sono dei gioielli d’architettura, come Amritsar, nelle cui acque si specchia lo splendido Tempio d’ Oro. Proseguendo verso nord raggiungiamo lo stato dell’Himachal a ridosso dell’Himalaya non a caso chiamato anche Devbhumi, ossia “dimora degli Dei”. L’Himachal, con Dharamsala, è inoltre la sede del governo tibetano in esilio e luogo di residenza del Dalai Lama. Il nostro viaggio prosegue poi per il Ladakh, un affascinante, remoto deserto ad alta quota, che beneficia solo in parte dei monsoni. Una terra di maestosi paesaggi e tantissima fede, lassù, più vicino al cielo. La magia finale del viaggio sarà trovarci sulle sponde del lago Tso Moriri, un immenso specchio blu circondato da vette innevate, davanti al quale si ha l’impressione di sentirsi al cospetto di uno dei più begli spettacoli della natura. In questo suggestivo itinerario proponiamo un’esplorazione di monasteri tibetani molto ben conservati, di arte indiana e nepalese di mille anni fa, di passi montuosi che regalano infine panorami sterminati, delle oasi dal verde abbagliante incastonate nei fondi valle, accompagnati dalla maestosa

    ITINERARIO

    Partenza con volo di linea per Delhi (non incluso nella quota) 
    Arrivo a Delhi, incontro con il nostro rappresentante parlante italiano e trasferimento privato in hotel (camere disponibili dalle ore 15). Sistemazione e resto della giornata libero. Quella che noi oggi chiamiamo “nuova Delhi” è la parte moderna della città, costruita dagli inglesi per mostrare al mondo una capitale all’avanguardia, che non avesse nulla da invidiare alle controparti europee. Qui si trovano tutti gli edifici governativi e le principali sedi amministrative. Al suo interno si trova però un cuore pulsante di vicoli, bazar, risciò e splendidi palazzi: è “antica Delhi”, la vecchia cittadella fortificata eretta in periodo moghul e che oggi racchiude l’anima della città.  Da non perdere a Old Delhi:Jama Masjid, la più grande moschea di Delhi, accessibile quando non sono in corso funzioni religiose. Consigliamo la salita sul minareto per una visione della città dall’alto. Raj Ghat, il memoriale dedicato al Mahatma Gandhi. Red Fort, cittadella e residenza reale d’epoca Moghul.  Da non perdere a New Delhi: Qutub Minar, il più alto minareto in mattoni del mondo. Il palazzo presidenziale e La Porta dell’India, memoriale di guerra inglese. Chi è interessato alla cultura Sikh può inoltre visitare il tempio Gurudwara Bangla Sahib.NB. Alcuni voli arrivano a Delhi al mattino presto, mentre le camere sono normalmente disponibili a partire dalle 15. Facoltativamente e su richiesta è possibile prevedere un early check-in in hotel con costo extra.  
    Dopo colazione trasferimento alla stazione. Partenza con il treno veloce “Shatabdi express” per Amritsar. Arrivo nel pomeriggio, sistemazione in hotel e resto della giornata libero. Pernottamento. Amritsar è la più famosa città del Punjab, fu fondata nel 1500 da uno dei 4 grandi guru Sikh, in un piccolo appezzamento terriero che aveva comprato per 700 rupie. Oggi è il punto di riferimento più importante per l’intero mondo Sikh. Qui si trova il Harmandir Sahib, o molto più semplicemente il Tempio d’Oro, centro spirituale e religioso che attira persino più visitatori del Taj Mahal, vedendo arrivare credenti da tutta l’India. In questo tempio non esistono caste, né statuti sociali, né differenze fra chi prega: tutti sono uguali, tutti sono fratelli. Il tempio steso è stato costruito ad un livello più basso rispetto agli edifici circostanti, proprio per simboleggiare umiltà, così come i 4 ingressi sui 4 lati danno il benvenuto ai pellegrini provenienti da qualsiasi direzione. Come se non bastasse, ogni giorno viene allestito da dei volontari un enorme banchetto dove chiunque può mangiare (gratis) senza distinzione di sesso o età. Anche i turisti sono accettati, l’unica regola è quella di coprirsi il capo (sia uomini che donne) e purificarsi i piedi lavandoli nell’area apposita, inoltre, mentre si è all’interno della zona del tempio non si può fumare, bere alcol né mangiare carne. 
    Colazione in hotel e intera giornata libera a disposizione per l’esplorazione della città con il “Tempio d’Oro” e il colorato bazar. Pernottamento in hotel. Harmandir Sahib non comprende solo il Tempio d’Oro, ma è un grosso complesso “gurdwara”, cioè luogo di culto sikh che include anche il Museo centrale dei Sikh, il monumento commemorativo della vittoria dei Sikh a Delhi e il memoriale del massacro di Amritsar per mano degli inglesi, più tutta una serie di punti importanti per il pellegrinaggio sikh. Hall Bazaar può essere considerato il centro commerciale per eccellenza di Amritsar: qui troverete di tutto, cibo, artigianato, libri, componenti elettronici, arredi, vestiti, gioielli… qualsiasi cosa abbiate voglia di contrattare, c’è! Amritsar si trova a soli 30 km dal confine pakistano, dove una singolare cerimonia viene ripetuta ogni giorno prima del tramonto. Si tratta del Wagah Border Crossing, in cui militari indiani e pakistani sfilano e sfilano in parata nei rispettivi lati, fra le acclamazioni della folla, inni nazionali e bandiere sventolanti sugli spalti. Sembra una gara di patriottismo, ma tutto viene svolto in maniera molto amichevole e gioiosa. 
    Dopo la colazione partenza con vetture private per Dharamsala. Arrivo, sistemazione in hotel e resto della giornata libero per visitare autonomamente la città, sede del governo tibetano in esilio con il monastero del Dalai Lama e una scuola tibetana. Pernottamento in hotel. Dharamsala è la sede del governo tibetano in esilio, ma il centro di cultura e vita tibetana si trova in realtà qualche km a nord della città, a McLeod Ganj, dove vive una grossa comunità di tibetani in esilio, compreso il Dalai Lama. McLeod Ganj viene anche chiamata Little Lhasa o, più semplicemente, Dhasa, ed è pervasa da un senso di pace e tranquillità. Consigliamo la visita del Tempio del Dalai Lama e del museo di cultura tibetana, per cominciare a comprendere meglio questa cultura e la storia del Tibet (il museo è chiuso il lunedì). A poca distanza da McLeod Ganj si trovano alcuni luoghi di interesse naturalistico come il lago Dal e la cascata Bhagsu, entrambi circondati da paesaggi straordinari. Se preferite immergervi nella cultura locale potete invece optare per uno dei tanti corsi e laboratori disponibili in città, dove potrete imparare i segreti della cucina tibetana, o a fare yoga, suonare uno strumento tradizionale o intagliare il legno.  
    Dopo la colazione partenza con minibus privato verso la valle di Kulu, detta anche “valle degli Dei” dove tra paesaggi spettacolari immersi in una vegetazione lussureggiante arriviamo a Manali, incantevole cittadina situata nella punta settentrionale della valle. Sistemazione e pernottamento in hotel.    Manali è una cittadina ricca di energia che attrae viaggiatori, soprattutto backpackers, da tutto il mondo. Le opzioni per la sera sono davvero tantissime: troverete ristoranti per tutte le tasche che servono cucina indiana, tibetana, cinese oppure internazionale, locali, bar e persino club dove poter ballare.  Dopo la prima colazione trasferimento privato in aeroporto e partenza l’Italia via Delhi   secondo l’operativo dei vostri voli. 
    Colazione in hotel e intera giornata a disposizione per esplorare Manali e dintorni. Situata a 2000 mslm Manali è senza dubbio il centro di villeggiatura più famoso dell’Himachal Pradesh, con paesaggi mozzafiato sulla catene dell’Himalaya. È la destinazione per eccellenza per gli indiani in luna di miele, una meta ambita dagli amanti dei trekking e il paradiso dei turisti “alternativi e hippy”. Old Manali è un concentrato di piccoli bar e ristorantini particolari, negozietti di vestiti ipersgargianti e bancarelle di souvenir, ma la città vecchia mantiene ancora il fascino del villaggio montano, interessanti anche il tempio di Hadimba, i monasteri buddhisti e da non perdere una passeggiata lungo il bosco di cedri del Nature Parks. La vita qui scorre lenta, non abbiate fretta!Manali è anche il luogo giusto se siete appassionati di sport estremi e attività all’aperto: qui potrete fare parapendio, arrampicata, rafting e kayak. In alternativa perché non provare un trekking? Ci troviamo in uno scenario spettacolare, circondato dalla catena Himalayana, nulla sarà più bello di camminare accompagnati dalle montagne. I percorsi variano da quelli più semplici a quelli più difficili, e potete rivolgervi ad agenzie locali per avere una guida escursionistica con voi. 
    Dopo la colazione partenza per Sarchu, durante il tragitto effettueremo alcune soste nei punti panoramici più belli, ad esempio subito dopo aver superato il Rohtang Pass (3.978 mt.). Questo passo segna il punto di confine fra i paesaggi verdeggianti dell’Himachal Pradesh e le steppe e le aride montagne del Ladakh. È questa la vera porta d’ingresso nella regione himalayana. Proseguimento per Sarchu lungo una delle strade più alte e incredibili del mondo, una volta superato il passo di Baralacha (4.883 mt) arriviamo al check point di Sarchu, a 4253 mslm. Sistemazione in uno dei tanti spartani campi tendati fissi.   
    Dopo la colazione partenza per il Lago Tso Moriri attraverso i passi di Nakila e Lachungla. Sosta per il pranzo a Pang e proseguimento verso il lago salato d’alta quota di Tsokar, dove avremo del tempo a disposizione per godere dello splendido panorama. Arriviamo infine a Tso Moriri, uno dei laghi più belli del Ladakh sul confine con il Tibet. Pernottamento in campo tendato fisso. 
    Intera giornata dedicata all’esplorazione del lago e dei suoi dintorni.  Ancora oggi il lago rappresenta un luogo ideale per i birdwatchers ed è fra i pochi luoghi ove nidificano le oche indiane e le gru dal collo nero. Nel villaggio di Korzok si trova anche l’omonimo monastero fondato nel 1636 e che appartiene alla scuola dei Drukpa Kargyu. E’ stato restaurato e ingrandito di recente e dalla sua terrazza si gode un’ottima vista del lago. Una grande immagine di Buddha Sakyamuni domina l’altare del Gompa nella sala principale, mentre i suoi muri sono abbelliti con murali rappresentanti le divinità buddhiste tibetane. Durante la notte non dimenticate di puntare gli occhi al cielo, lo spettacolo di stelle sarà da togliere il fiato. 
    Colazione e tempo a disposizione per un’ultima passeggiata sulle rive del lago. In tarda mattinata proseguimento per Leh, situata a circa 3.500 mt slm. Sosta per il picnic lunch e, superato il Mahe Bridge, arriviamo a Leh. Sistemazione in hotel e pernottamento. Leh è completamente diversa da Manali, qui non troverete una vivace vita notturna, né locali che servono alcol (il che è un bene, considerata l’altitudine a cui ci troviamo). Se non siete troppo stanchi potete comunque concedervi del tempo in una caffetteria per scaldarvi con un po’ di tè, insieme alla gente del posto. 
    Dopo la colazione avremo i nostri veicoli a disposizione per effettuare l’escursione ai Gompa di Shey e Tiksey e ai monasteri di Hemis e Stok. Rientro a Leh e pernottamento.  Gompa è il nome che viene dato ai templi e nelle regioni tibetane e himalayane, il Ladakh è costellato da tanti piccoli e meno piccoli monasteri che dalla cima delle montagne si estendono lungo gli aridi pendii creando un contrasto fra le strutture bianche, gialle e rosse con l’ambiente brullo circostante, rassomigliando quasi a dei piccoli regni montani isolati. Al loro interno si trovano statue di Buddha e dei suoi insegnamenti, reliquie sacre, stupa e pitture murali. 
    Dopo la prima colazione trasferimento privato in aeroporto e partenza l’Italia via Delhi   secondo l’operativo dei vostri voli.Viaggiare è emozione! Il desiderio di conoscere nuove culture; scoprire le bellezze naturali del Pianeta Terra; gustare nuovi sapori.Ogni viaggio ci arricchisce di tante esperienze che rimarranno, per sempre, nella nostra memoria. Per rendere il vostro viaggio unico ed esclusivo, suggeriamo alcune proposte che possono essere integrate come piccole gemme da incastonare al vostro programma su misura. Proponiamo hotels di charme selezionati, alcuni tra i più belli al mondo, altri in posizioni straordinarie; ristoranti che seguono le tradizioni o sono espressione di chef di fama mondiale; estensioni per arricchire l’itinerario o un riposo da favola al termine del circuito culturale.   RENDI UNICO IL TUO VIAGGIO(clicca sulle icone)   EsperienzeHotelSapori  

    Perchè con Kel12?

    • Quarant’anni di esperienza in spedizioni e viaggi culturali
    • Staff locale gestito direttamente
    • Guide e assistenti in loco parlanti italiano
    • Contatto per le emergenze h24 in italiano sia in loco che in Italia
    • Pianificare il tuo viaggio “on demand” con i nostri Specialist: gli specialist sono risorse interne al nostro staff che conoscono molto bene la destinazione e che metteranno a disposizione la loro professionalità al servizio dei clienti. Un servizio che non tutti possono offrire “on demand” e che noi mettiamo a disposizione on line su appuntamento

    Approfondimenti di viaggio

     Per alcune partenze e possibile che i signori partecipanti trovino l’esperto accompagnatore Kel 12 direttamente in loco.L’altitudine, seppur mediamente inferiore a quella di altri paesi himalayani, può provocare fastidi e malesseri il primo giorno, per questa ragione il pomeriggio del giorno di arrivo a Leh non sono previste visite in modo da poter riposare e favorire l’acclimatamento.I trasporti in Ladakh saranno effettuati con fuoristrada tipo Toyota Innova o Mehendra Xylo [...]