Logo Kel 12 Cultura del viaggio

MAGIE NABATEE 2020

GIORDANIA

icona orologio 8 GIORNI
minimo 10 massimo 16 partecipanti
icona valigia PARTENZE:

    2019

  • Dal   30  novembre    al   7  dicembre  
  • 2020

  • Dal   25  aprile    al   2  maggio  
  • Dal   13  giugno    al   20  giugno  
  • Dal   19  settembre    al   26  settembre  
  • Dal   31  ottobre    al   7  novembre  
  • Dal   14  novembre    al   21  novembre  
  • Dal   5  dicembre    al   12  dicembre  
Sistemazioni
Land Expeditions - Viaggi con Esperto

VIAGGIO DISPONIBILE ANCHE IN INDIVIDUALE

Viaggio in luoghi che frequentiamo da tanti anni e che consideriamo certamente una delle dieci mete al mondo da privilegiare. Conosciamo bene la Giordania e i suoi siti più famosi, ma anche gli aspetti meno noti. Per questo siamo in grado di proporre un’esperienza particolare per scoprire insieme che Petra non ha ancora rivelato tutti i suoi segreti perché vi è una Petra che non tutti quelli che vi si sono recati hanno avuto modo di conoscere. Percorriamo ogni - continua -

A PARTIRE DA: 2.650 €


ITINERARIO

Partenza con volo internazionale di linea da Roma per Amman. Arrivo dopo poco più di tre ore nella capitale giordana. Incontro con un rappresentante del nostro corrispondente che ci assiste nelle formalità aeroportuali. Trasferimento privato, cena e pernottamento in hotel ad Amman.

 

NB: Il viaggio è programmato con voli internazionali da Roma Fiumicino. Il tour leader partirà da Milano mentre presso l’aeroporto di Roma è previsto il servizio di assistenza aeroportuale per facilitare le operazioni di check-in. Il ritrovo del gruppo, se non diversamente specificato, è previsto all’aeroporto di Roma direttamente al gate del volo per Amman.

 

Prima colazione e visita della Cittadella di Amman.

Amman è capitale della Giordania solo dal 1950. Pur nota nella storia già dal XIII secolo a.C. e conosciuta nell’antichità prima come Rabbat Ammon e poi Filadelfia, alla fine del XIX secolo è ridotta a piccolo villaggio. Per volere del re Hussein, quasi tutti gli edifici pubblici e privati sono rivestititi da una particolare pietra bianca locale che dona alla capitale un aspetto inconfondibile. Può essere interessante frequentarne la sera uno dei quartieri in cui si svolge una notevole vita notturna in locali più o meno tradizionali. Da vari anni si possono notare numerose gru e cantieri aperti, segnali di un intenso sviluppo urbanistico legato a sostanziosi investimenti, anche stranieri, oltre che di facoltosi palestinesi.

Visitiamo la Cittadella con resti romani, bizantini e islamici (e anche qualche eccessivo recente intervento di “restauro”, in questo caso degli spagnoli) e il Museo del Folklore, nei pressi dell’anfiteatro romano. Visitiamo anche il Museo della Giordania, costruito nel 2014, che conserva tutti i reperti archeologici più importanti del Paese, tra cui alcuni dei “rotoli del Mar Morto” e le statuette antropomorfe di Ain Ghazal, risalenti a circa 7.000 anni fa, figure simboliche del culto degli antenati o propiziatorie.

Nel pomeriggio ci rechiamo a Jerash, a circa un’ora di strada. Conosciuta in passato come Gerasa, è la più importante e certo la più coinvolgente delle città che formarono la Decapoli. Si visiteranno la Piazza Ovale, l’Arco di Trionfo, l’Ippodromo, la Porta Sud, il Tempio di Zeus, il Teatro, la Via Colonnata, il Tetrapilo, il Tempio di Artemide… che rimandano soprattutto a un periodo compreso tra il I e il IV secolo d.C. Sicuramente è uno dei siti più corposi e meglio conservati del Medio Oriente. Dopo la visita rientro ad Amman.

Cena e pernottamento in hotel.

Prima colazione in hotel e partenza in direzione sud. Dopo circa 35 km, percorribili in poco meno di un’ora, giungiamo al Monte Nebo. Da qui la tradizione vuole che Mosè, dopo un peregrinare di quarant’anni assieme al suo popolo, abbia potuto osservare per la prima volta la “Terra Promessa”. Non sappiamo con certezza se ciò sia avvenuto, quello che è certo è che da qui normalmente non si vede Gerusalemme. E’ però possibile individuare la Valle del Giordano e ammirare i mosaici protetti all’interno della chiesa posta qui a memoria di Mosè.

Proseguendo verso Petra, percorreremo parte della Desert Highway e della storica Via dei Re, la strada che scorre dal nord al sud tra le altre due vie che consentono di giungere all’estremità meridionale del Paese. Tra le due arterie si trova Umm al-Rasas che ospita i più importanti e interessanti mosaici del Paese. Per questo è Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Le opere più degne di attenzione sono nella Chiesa di Santo Stefano, dell’VIII secolo. Richiamano, oltre ad alcune città della regione, scene di vita quotidiana legate alla caccia, pesca, agricoltura, con particolari anche curiosi, come quello famoso che rappresenta un uomo che cavalca uno struzzo. Pranzo lungo la Desert Highway e arrivo nel pomeriggio a Shobak, dove troviamo il più significativo castello della Giordania dal punto di vista strutturale e per la localizzazione.

E’ più interessante e certo anche meno frequentato di quello più noto, ma deludente e anonimo, di Kerak. Situato sul pendio di un’altura, è isolato da ogni centro abitato. Appare intrigante già in lontananza, e si erge su un altipiano caratterizzato da molte caverne. Risale al XII secolo e fu costruito da Baldovino, conquistato da Saladino, ampliato dai turchi. Presenta torri, pozzi, passaggi segreti, cortili, catacombe, chiesa, iscrizioni. Non tutti gli ambienti del castello sono aperti al pubblico e a volte, come in molti dei luoghi turistici giordani (Nebo, Kerak…), possono essere in corso lavori di scavi e manutenzioni. Petra è ormai a poche decine di chilometri.

Cena e pernottamento in hotel (quello selezionato o di pari categoria).

 

Colazione e inizio delle visite di Petra, patrimonio dell’umanità Unesco e una delle sette meraviglie del mondo moderno. Un luogo carico di suggestioni, storia, che segna il connubio tra natura e civilizzazione, presente nell’immaginario collettivo di noi tutti ma ancora in grado di raccontare misteri e di sorprendere: per questo abbiamo deciso di fermarci per tre giorni.

Il nome deriva dal greco e significa “roccia”. La città divenne capitale dei Nabatei nel 311 a.C. e il suo periodo di massimo splendore fu durante il regno di Aretas IV, a cavallo della cita di Cristo, quando contava più di 25.000 abitanti. L’arrivo dei romani coincise con un ulteriore sviluppo architettonico e artistico e Adriano la visitò nel 130 d.C.

Nella giornata odierna ci si reca nei “siti bassi” giungendo sino al “Monastero”. (I due interi giorni di permanenza possono consentirci di variare l’ordine delle visite ora indicate).

Pranzo nel ristorante interno all’area archeologica. Non ci dilunghiamo nella descrizione del sito archeologico perché preferiamo che sia “scoperta” e assaporata interamente in loco direttamente dai partecipanti.

Cena e pernottamento in hotel.

 

Colazione e secondo ingresso alla città nabatea di Petra, dedicato ai “siti alti”: Altare Sacrificale, Tombe dei Nobili… ma si percorre anche il primo tratto di sentiero che arriva sino alla Tomba di Aronne (fratello di Mosè), situata nel punto più panoramico dell'enorme zona archeologica.

Si osserveranno tombe, cisterne, architetture sorprendenti che nulla hanno da invidiare a quelle presenti nella parte più frequentata del sito.

Petra non è solo templi e palazzi scolpiti tra le rocce, ma anche l’incanto del colore rossastro delle sue pietre intagliate e levigate dal vento, che affascina chi vi passeggia in mezzo.

Pranzo in corso di visita. Cena e pernottamento in hotel.

 

NB: la visita del sito archeologico di Petra si effettua a piedi, pertanto durante le due giornate che le dedichiamo si cammina molto. Raccomandiamo di portare con scarpe comodissime da trekking leggero.

 

Prima colazione. Nella mattinata visita alla Piccola Petra (Siq al-Barid), la città dove i Nabatei usavano far soggiornare i propri ospiti.

Il gran numero di locali e di caverne, insieme alle molte cisterne e alla non grande presenza di tombe, inducono a considerare Siq al-Barid quale centro commerciale e di servizi della città di Petra, dove le grandi carovane in transito non potevano entrare. Come sembra anche testimoniare il grande spazio esistente prima dell’ingresso al sito. Qui, si presume che queste potessero sostare in attesa che avvenissero le transazioni commerciali e i carovanieri si riposassero, prima di riprendere il percorso verso le regioni mediterranee.

Al termine della visita si prosegue verso Wadi Rum e si pranza in ristorante locale lungo la via.

Qualcuno ha definito questo deserto ”il più bello del mondo”. Intorno a noi avremo ampie vallate sabbiose, inframmezzate da arenarie multicolori, alture con bizzarre forme e tonalità definite dal vento in modi assai fantasiosi.

Escursione in fuoristrada nel Wadi Rum fino al tramonto. Cena tipica nel campo beduino e pernottamento in tenda con soffitto panoramico per guardare le stelle (quello selezionato o di pari categoria).

 

Prima colazione al campo tendato e tempo a disposizione per qualche passeggiata. Partenza poi verso il Mar Morto, che raggiungiamo dopo circa 5 ore.

Questa volta percorriamo una strada ancora diversa dalla Via dei Re e dall’autostrada in modo da variare anche i panorami delle regioni attraversate. La Wadi Araba, la strada che conduce verso nord è certo la più panoramica e, specie in prossimità del lago salato, presenta aspetti paesaggistici notevoli. Pranzo lungo la via. Sistemazione in hotel, proprio sulle sue rive. Il pomeriggio è dedicato a scoprire le particolarità del luogo, fare il bagno o fruire dei servizi nella SPA dell’hotel: fanghi, massaggi, creme…

Il Mar Morto non è un mare e non è morto. Già dagli anni ’30 dello scorso secolo alcuni ricercatori statunitensi hanno scoperto forme di vita animale e vegetale sul lato dell’attuale parte israeliana. E’ però certo che si tratti del punto più basso della terra a circa 400 metri sotto il livello del mare formatosi, pare, oltre 50.000 anni fa. E’ una posizione che sta rapidamente mutando perché negli ultimi anni il livello delle sue acque si sta abbassando, a causa soprattutto del diminuito apporto del Giordano oramai ridotto a piccolissimo immissario.

“Immergersi” nel Mar Morto è un’esperienza da non perdere, per l’impossibilità di affondare e per lo straordinario scenario che circonda queste acque che hanno una salinità di oltre il 30%, (circa dieci volte in più della normale acqua marina).

Cena e pernottamento in hotel.

 

NB: a chi fosse interessato a usufruire dei trattamenti benessere presso l’hotel, consigliamo di prenotarli anticipatamente dall’Italia specialmente in alta stagione (in particolare per soggiorni in Aprile e in Dicembre). Il nostro Ufficio Prenotazioni è a vostra disposizione per maggiori informazioni.

 

La scelta di trascorrere l’ultima notte nel Mar Morto e non ad Amman, oltre a consentire di gustare le atmosfere di un luogo come questo, permette di ottimizzare i tempi per raggiungere l’aeroporto, essendo questo localizzato una trentina di chilometri prima della capitale.

Colazione e trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia. Arrivo a Roma Fiumicino nel primo pomeriggio.


 

 

 

  1. Jerash       2. Petra      3. Wadi Rum

 

 

 

APPROFONDIMENTI DI VIAGGIO

L’IMPEGNO PER UN TURISMO SOSTENIBILE Promuoviamo lo sviluppo di una coscienza sostenibile da sempre. Da molto prima che la parola sostenibilità diventasse tendenza. Favorire un turismo che non consuma, sfiora e valorizza ciò che incontra. Visitare i luoghi cercando di lasciare tracce minime del proprio passaggio sono tra i primi punti della nostra “Carta Etica del Viaggio e del Viaggiatore”, documento redatto nel 2006 e consegnato a tutti i viaggiatori prima della partenza, in cui - CONTINUA -

PERCHÈ CON KEL 12

- TRE PERNOTTAMENTI E DUE INGRESSI GIORNALIERI A PETRA PER DEDICARE IL GIUSTO TEMPO AD UNO DEI LUOGHI PIÙ BELLI E INTERESSANTI AL MONDO

- PERNOTTAMENTO IN CAMPO TENDATO BEDUINO NEL DESERTO PREVISTO IN PARTICOLARI TENDE CON SOFFITTO TRASPARENTE PER VEDERE LE STELLE

- TEMPO A DISPOSIZIONE PER RELAX E TRATTAMENTI IN HOTEL 5* SUL MAR MORTO

 

ESPERTI

  

FRANCESCA ANGHILERI

  • Dal 30  novembre  2019 al 7  dicembre  2019
  • Dal 19  settembre  2020 al 26  settembre  2020
  

Esperto Kel 12

  • Dal 25  aprile  2020 al 2  maggio  2020
  • Dal 13  giugno  2020 al 20  giugno  2020
  

FABRIZIO CRUSCO

  • Dal 31  ottobre  2020 al 7  novembre  2020
  

FULVIO GIOVANNI LUCA CINQUINI

  • Dal 14  novembre  2020 al 21  novembre  2020
  

TIZIANA SOLDATI

  • Dal 5  dicembre  2020 al 12  dicembre  2020

GALLERY

Richiedi preventivo








Data Partenza:
Richiedo una partenza individuale (Obbligatorio per inserire i campi data liberi)

Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e presto il consenso a Kel 12 Tour Operator S.r.l. per il trattamento dei miei dati personali."
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite sms e/o e-mail di comunicazioni informative e promozionali.
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione al servizio di invio newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate, nonché del nostro partner ufficiale National Geographic Partners LLC.

 

L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei confronti di Kel 12 Tour Operator. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le Condizioni di Vendita e le regole di tutela della Privacy proposte da Kel 12