Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • NAMAQUALAND: IL DESERTO FIORITO

    NAMIBIA SUD AFRICA

  • NAMAQUALAND: IL DESERTO FIORITO

    NAMIBIA SUD AFRICA

    Viaggi con Esperto

    Durata 15 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 6 MASSIMO 12  PARTECIPANTI
    Partenze

      2021

    • Dal 21  agosto  al 4  settembre  

    A PARTIRE DA:  

    4.600€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Namibia - Sud Africa

    NAMAQUALAND: IL DESERTO FIORITO

    VIAGGIO NOVITA’

    Un viaggio un pò insolito che esce dagli itinerari più classici, un itinerario completo, nel sud della Namibia e il nord del Sudafrica, senza tralasciare nulla: il deserto Kalahari, le profondità del Fish River Canyon, Luderitz e la città fantasma di Kolmanskop, il deserto del Namib e le dune rosse di Sossusvlei, la provincia del Northern Cape, per esplorare l’Augrabies Fall National Park dove il fiume Orange ha creato una profonda gola di granito con una serie di spettacolari rapide e cascate,  e la “fioritura del deserto” nel Namaqualand, regione arida che per poche settimane all’anno si trasforma in una distesa infinita di fiori colorati, il Kgalagadi Transfrontier park, situato al confine con la Namibia e il Botswana, che offre maestosi paesaggi desertici con le tipiche dune rosse del Kalahari punteggiate di vegetazione e una grande varietà di animali tra cui il famoso leone del Kalahari.

    ITINERARIO

    Partenza dall’Italia nel pomeriggio per Windhoek con voli di linea.  Cena e pernottamento in volo.
    Arrivo a Windhoek, disbrigo delle formalità di ingresso, trasferimento in hotel e tempo libero per il riposo oppure per un giro in città. Windhoek, la capitale della Namibia, conta circa 500.000 abitanti. E’ una città moderna e pulita ove costruzioni recenti affiancano chiese luterane e giardini traboccanti di aloe. Passeggiando per la Kaiser Strasse, oggi Independence Avenue, si incontrano donne Herero con i caratteristici costumi e si possono vedere curiosi edifici di stile tedesco risalenti all'inizio del XX secolo. Cena in hotel. 
    Dopo la prima colazione partenza per le regioni meridionali via Rehoboth fino a giungere al Deserto del Kalahari, annunciato dalla sua antica sabbia rossa; arrivo previsto per pranzo. Nel pomeriggio primo fotosafari in jeep 4 x 4 per incontrare la fauna africana e ammirare questi incredibili paesaggi. Pranzo, cena e pernottamento in lodge.  
    Di prima mattina escursione a piedi accompagnati da una guida San (termine più appropriato della parola Boscimano) per avvicinarsi anche se solo per un breve momento alla vita degli abitanti originari del deserto del Kalahari. Si scopriranno le sorprendenti tecniche di sopravvivenza e l’incredibile armonia con l’ambiente che questo antico popolo ha sviluppato e mantenuto per adattarsi ad un territorio arido e inospitale. La nostra presenza ha lo scopo di incoraggiare i San a gestire le attività “turistiche” nel rispetto delle loro tradizioni di vita. Continuiamo quindi il nostro viaggio verso sud per raggiungere la cittadina costiera di Luderiz, costeggiando il famoso “Sperrgebiet” ovvero la zona diamantifera proibita e, con un po’ di fortuna si vedranno i cavalli selvaggi del deserto del Namib, l’unica “specie” adattatasi alla vita nel deserto e la cui origine è fonte di varie speculazioni. Arrivo a Luderitz, una cittadina veramente surreale e unica: un gruppetto di case in stile bavarese arroccate sulla ventosa costa del deserto che condividono le fredde spiagge desolate con otarie, pinguini e fenicotteri. Pranzo in ristorante, cena in hotel. 
    Dopo una visita alla vicina città mineraria fantasma di Kolmanskop, a circa 10 chilometri dalla cittadina, è una delle più affascinanti attrazioni della zona, si prosegue il viaggio verso sud est per raggiungere il più importante fenomeno geologico della Namibia, il Fish River Canyon, passando dalla bellissima e poco conosciuta area del Richtersveld che offre paesaggi incontaminati e spettacolari. Il Fish River Canyon ha creato il canyon più grande in Africa, e il secondo più grande al mondo. Caldi, aridi e sassosi 160 km di lunghezza, a volte con una larghezza di 27 km e 550 m di profondità, il canyon è impressionante. All'estremità meridionale ci sono le rinomate terme di Ai- Ais. Pranzo in ristorante o al sacco, cena al lodge.  
    Giornata dedicata alla visita del Fish River Canyon.  Le gole sono il risultato di migliaia di anni di erosione da parte del Fiume Fish che ancora oggi scorre nei mesi di marzo-aprile prima di gettarsi nel Fiume Orange, 70 km più a sud. Il fiume anche se secco per diversi mesi all’anno, permette la vita a diverse specie animali: springbok, zebre, babbuini, kudu, struzzi ma anche aironi ed aquile… Una giornata intera dedicata alla scoperta del canyon! Pranzo e cena al lodge. 
    Oggi si lascia la Namibia per entrare in Sud Africa e raggiungere il bellissimo Namaqualand, la terra dei fiori, nei pressi di Springbook. Stendendosi per oltre 1000 km lungo la scenografica West Coast del Sudafrica, Namaqualand è celebre per la sua bellezza arida e spoglia. Una volta all'anno, all'inizio della primavera, il paesaggio del Namaqualand esplode in un caleidoscopio di colori. Le pianure di polvere si trasformano in una distesa di migliaia di fiori selvatici. Poche gocce di pioggia fanno sbocciare quasi 4.000 varietà di piante offrendo uno degli spettacoli naturali più impressionanti e suggestivi al mondo: fiori gialli, azzurri, arancioni, viola bianchi e blu che tappezzano letteralmente le colline trasformando l’arido paesaggio in uno sconfinato tappeto fiorito. Viaggiatori da tutto il mondo accorrono qui per ammirare questo splendore naturale. Qui si possono anche ammirare un sacco di animali selvaggi, e visitare i pittoreschi villaggi lungo la costa o nell'entroterra. Pranzo in ristorante, cena al lodge. 
    In questa giornata si entra nel Parco Nazionale del Namaqualand, caratterizzato da montagne e colline e il tipico veld sudafricano, sicuramente uno dei i luoghi più spettacolari per ammirare la fioritura. Il Parco infatti ospita diverse specie di animali e piante endemiche, ed in questo periodo si possono apprezzare immensi campi completamente ricoperti di fiori arancioni che trasformano il deserto polveroso in una terra irriconoscibile ricca di vita e di colore. Passeggiate lungo i sentieri del parco. Pranzo al sacco, cena al lodge.
    Viaggiando tra quasi 4.000 varietà di piante, ammirando uno degli spettacoli naturali più impressionanti e suggestivi al mondo, si scende verso Clanwilliam, gradevole cittadina, una delle 10 più antiche del paese, con una bella strada principale dove si affacciano imponenti edifici nello stile olandese del Capo tenuti con estrema cura e un gran numero di alberi. Visita della Ramskop Nature Reserve. Il Wild Flower Garden, al suo interno, contiene più di 350 specie di fiori selvatici, spettacolari in questa stagione. Il sentiero che lo attraversa permette bellissime vedute sulla diga di Clanwilliam e sulle Cedeberg Mountains. Pranzo in ristorante, cena in hotel. 
    Si lascia Clanwilliam per raggiungere la costa occidentale del Sud Africa; caratteristica di questa regione è l’enorme varietà dei paesaggi, una costa meravigliosa e diversi villaggi di pescatori che offrono interessanti scorci di vecchie atmosfere; sicuramente un percorso ricco alla scoperta di una maestosa area naturale incontaminata. Tra questi Veldsdrift, dove i pescatori lavorano come 150 anni fa, e ci sarà il tempo per una passeggiata a Bokkomlaan, tra curiosi negozi e pesce steso ad essiccare, in un’atmosfera che ci riporterà indietro nel tempo, prima di un ‘escursione in barca sul fiume di circa 2 ore, per ammirare la natura e innumerevoli uccelli da un’altra prospettiva. Al termine proseguimento per Paternoster, affascinante cittadina tra mare e campagna, fino a pochi anni fa composta solo da semplici case bianche e colorate barche da pesca. Pranzo in ristorante, cena libera.  
    Oggi si entra nel parco nazionale della West Coast, una delle maggiori riserve lagunari al mondo che comprende lagune, coste rocciose e spiagge solitarie. Paradiso dei bird-watchers, si stima che qui vivano circa 200.00 uccelli marini e svernino migliaia di migratori europei. Anche qui, in questo periodo, la principale attrazione è la straordinaria fioritura primaverile. Tre chilometri a sud di Paternoster si trova la splendida e ventosa Cape Columbine Nature Reserve: più di 200 specie di uccelli di terra e di mare, dune di sabbia bianca, scogliere di granito rosa, spiagge selvagge, e ovviamente i colorati ‘fynbos’, la tipica vegetazione arbustiva costiera. Pensione completa.
    Ancora verso sud per giungere infine a Cape Town! Conosciuta come la Città Madre, Cape Town è la città più antica del Sud Africa. Nei tempi passati, i marinai di tutto il mondo la chiamavano “la taverna dei mari”, il luogo che a differenza del solitario Capo Horn aveva da offrire tutto ciò che un marinaio sogna dopo mesi di navigazione. Ancora oggi è con questo spirito gioviale, allegro e “liberal” che la città accoglie chi viene a cercare la sua grande ospitalità e ammirarne la sua bellezza sofisticata. La Table Mountain, un massiccio blocco di arenaria, fiancheggiato da Devil’s Peak e Lion’s Head, costituisce il simbolo della città e per chi viene dal mare è visibile a più di 200 chilometri: Maclear’s Beacon coi suoi 1.086 metri di altitudine ne è il punto più alto. Un luogo oramai diventato meta d’obbligo è poi il Victoria & Alfred Waterfront, la zona portuale ricca di ristoranti, negozi e centri commerciali. Nel pomeriggio visita della città. Pranzo in ristorante e cena libera. 
    Intera giornata dedicata alla Penisola del Capo. Si inizia la visita percorrendo la strada costiera atlantica passando dalle spiagge bianche di Camps Bay, circondata da montagne, considerata una delle spiagge più trandy della città, per arrivare ad Hout Bay, graziosa cittadina da cui ci si imbarca per una breve crociera nella baia fino a Seal Island, casa di migliaia di otarie e centinaia di uccelli. Al rientro breve visita del mercatino dell’artigianato e proseguimento per Chapman’s Peak, spettacolare punto panoramico, percorrendo una delle strade di mare ritenute tra le più belle al mondo. Si arriva quindi alla Cape of Good Hope Nature Reserve, una stretta striscia di terra con belle vallate, baie e spiagge, con un’incredibile varietà di fauna e flora; si arriva fino al faro, a piedi o in funicolare. Dopo un’altra tappa alla base navale di Simons Town, nel pomeriggio visita di Boulders Beach e della sua colonia di pinguini del Capo. Le passerelle che costeggiano la spiaggia permettono di avvicinare molto questi uccelli, purtroppo oggi specie in pericolo. Rientro in hotel. Pranzo in ristorante e cena libera. 
    In tempo utile trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo di rientro in Italia.  
    Arrivo in Italia. Le passeggiate nei parchi non sono impegnative e possono essere calibrate sulle esigenze del gruppo.Per ragioni tecnico-operative l'itinerario potrà essere invertito o modificato dalla guida sul posto se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo.  

    Perchè con Kel12?

    • un itinerario insolito, diverso, che tocca anche il Namaqualand, per assistere alla “fioritura nel deserto”
    • ad accompagnare il gruppo c'è un Esperto Kel 12
    • i gruppi sono composti da massimo 12 partecipanti
    • un viaggio comodo, con hotel e mezzi selezionati
    • si viaggia con 1 o 2 mezzi 2x4, posto finestrino garantito
     

    I nostri esperti

    Esperto Kel 12

    Dal 21  agosto  2021 al 4  settembre  2021

    Approfondimenti di viaggio

    VOLI I Voli di linea scelti per questo itinerario sono operati dalla compagnia tedesca LUFTHANSA. Il programma di viaggio è stato elaborato in base agli orari attuali del vettore. Eventuali variazioni di orario, potranno determinare modifiche all’itinerario di viaggio.Il volo di linea Italia / Namibia e Sud Africa / Italia non è diretto ma si effettua uno scalo con cambio di aeromobile all’aeroporto di Francoforte o Monaco di Baviera, basi operative e HUB del vettore in Europa.I [...]