Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • PATAGONIA CILENA E DESERTO DI ATACAMA

    CILE

  • PATAGONIA CILENA E DESERTO DI ATACAMA

    CILE

    Viaggi con Esperto

    Durata 12 GIORNI
    Partecipanti MINIMO 10 MASSIMO 14  PARTECIPANTI
    Partenze

      2022

    • Dal 24  marzo  al 4  aprile  
    • Dal 24  novembre  al 5  dicembre  

    A PARTIRE DA:  

    4.700€

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Cile

    PATAGONIA CILENA E DESERTO DI ATACAMA

    Il Cile: un Paese lungo e sottile in cui la Natura ha concentrato ogni sua estrema bellezza. Arido e ghiacciato. Bagnato dall’acqua e bruciato dal fuoco dei vulcani. Un Paese che inizia con un deserto e finisce in ghiacci millenari e in stretti che uniscono oceani, una miriade straordinaria di paesaggi che si alternano dal deserto di Atacama, sino alla Patagonia.

    Dalla capitale Santiago voliamo nel “profondo” nord per il deserto di Atacama, tra i più aridi al mondo. Il paesaggio cambia totalmente dispiegandosi in rocce, vulcani, laghi salati abitati dai fenicotteri, pianure di cespugli impavidi che sfidano vento e calura, colline di cactus giganti e pascoli attraversati da tenere vigogne. San Pedro, piccolo villaggio di casette in adobe e strade sterrate, mantiene un sapore di autenticità e fa da base logistica per le escursioni. A El Tatio, il campo geotermico più alto del mondo, Madre Natura si esibisce in un’anteprima del purgatorio dantesco. Acqua che ribolle dalle viscere della terra e sbuffi di vapore… ci si va all’alba, quando la temperatura è bassa e il freddo condensa il vapore in colonne spettacolari.

    Le grandi distanze ci portano a volare in Patagonia, terra dura e aspra dove il mare prende a pugni le scogliere e il vento spazza l’erba delle grandi praterie fino al limitare della cordigliera andina. Da Punta Arenas saliamo verso Puerto Natales per poi raggiungere il Parco Nazionale delle Torri del Paine, uno dei parchi più spettacolari della Patagonia, che ci regala un paesaggio fantastico. Dominato dal Massiccio del Paine, il parco non offre solo montagne, ma anche boschi, praterie, fiumi, cascate e laghi dalle acque cristalline. Non è raro incontrare guanachi e nandù, mentre i cieli sono il regno di aquile e condor. In questo viaggio avremo occhi attenti alla lezione che ci impartisce la natura selvaggia, e cuore aperto a tutte le suggestioni e le magie che animano le genti del “Cono Sur”.

    ITINERARIO

    Partenza dall’Italia con volo di linea per il Cile via San Paolo del Brasile. Arrivo nella notte a Santiago del Cile.  
    Arrivo alle 2.25 di notte a Santiago. Allo sbarco le autorità controlleranno subito la dichiarazione giurata prodotta dalla registrazione avvenuta prima della partenza. Dopo la verifica i passeggeri sono invitati a recarsi presso la zona dedicata al prelievo per il test PCR richiesto in arrivo dal ministero della salute cileno (test a carico dello Stato cileno). Successivamente si potranno svolgere le usuali operazioni di sbarco quali immigrazione e successivamente al ritiro del bagaglio a quelle di dogana. Il tempo massimo previsto per l’esito del test è di 12 ore durante le quali il passeggero è tenuto a rispettare una quarantena presso l’hotel prenotato. Al ricevimento dell’esito del test ci si dovrà registrare sul sito ufficiale del ministero della salute per ottenere il “pass di mobilità” che ci permetterà di circolare liberamente. Dopo aver superato la dogana incontro con il nostro assistente e trasferimento privato nell’hotel prenotato, sistemazione e pernottamento in Hotel.Colazione in albergo e giornata “libera” in hotel in attesa dell’esito del test. Pranzo e cena libere. Tutte le attività all’interno dell’hotel possono essere regolarmente svolte. Se il risultato del test arriva nella giornata ci si potrà muovere in autonomia in quanto in questa giornata non abbiamo previsto nessun servizio in quanto sarebbe stato subordinato all’arrivo dell’esito. Pasti liberi e pernottamento in Hotel.  
    Prima colazione. Se l’esito del test è gia disponibile e nulla osta la mattina sarà dedicata alla visita panoramica della città di Santiago: passeggiata lungo la via pedonale, visita alla cattedrale e al palazzo del governo “La Moneda” (da fuori). Proseguimento verso la città antica dove si potrà ammirare il quartiere bohème Bellavista. Partenza per la visita del mercato centrale dove ci fermeremo per il pranzo. Nel pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Calama, una cittadina al centro di un’area mineraria, da dove iniziamo il trasferimento in pulmino privato di un centinaio di chilometri fino a San Pedro de Atacama. La strada sale progressivamente finché all’orizzonte appare l’oasi di San Pedro de Atacama a 2400 metri di altitudine, in uno dei deserti più aridi della terra ai piedi del Volcán Licáncabur. Arrivo e sistemazione in hotel. Pranzo incluso e cena libera. Pernottamento. La cittadina di San Pedro, investita da un rilevante flusso turistico, si trova in posizione strategica per visitare i luoghi più iconici del Norte Grande cileno e sarà dunque la nostra base per i prossimi giorni.  
    Giornata di visita alle lagune Miñiques e Miscanti, due piccoli laghi d’altura nella Reserva Nacional de los Flamencos. Si percorrono circa 350 km. e si sale a circa 4.500 mt. sul livello del mare. Sosta al villaggio di Socaire, caratterizzato dalla presenza di una piccola chiesa di epoca. Pranzo in corso di escursione (à Socaire). A seguire visita del Salar de Atacama, distesa di sale di rara bellezza che si estende per circa 300.000 ettari con una larghezza di 100 chilometri. Si prosegue poi per il pittoresco villaggio di Toconao, villaggio coloniale interamente costruito in “liparite”. Rientro nel pomeriggio a San Pedro. Pranzo incluso e cena libera, pernottamento in hotel. 
    Oggi ci attende una lunga giornata, ma anche una delle escursioni più spettacolari che si possono fare da San Pedro de Atacama. Partenza il mattino presto (intorno alle 5.00) perché l’attività geotermica più intensa è alle prime ore dell’alba. Raggiungiamo con un percorso di circa due ore l’altopiano del Tatio che si estende a 4320 metri di altitudine ed è sovrastato da vulcani superiori ai 6000 metri, la cui attività è all’origine di getti di vapore, fumarole e pozze termali. Ci muoviamo fra cortine di vapore in questo paesaggio infernale, attenti a dove mettiamo i piedi perché ovunque è un ribollire di pozze e spruzzi d’acqua calda a 85°. Colazione a pic-nic al cospetto dei geyser, Se sara possibile (al momento le Terme sono chiuse per ragioni sanitarie legate al covid) lungo la via del rientro a San Pedro faremo una sosta alle terme di Puritama dove potremo rilassarci nelle piscine termali in un contesto naturale fantastico. Box lunch nell’area riservata e al termine rientro a San Pedro. Nel tardo pomeriggio partenza lungo la Cordigliera del Sale, formata da impressionanti formazioni geologiche e sedimentazioni multicolori e costituita al 90% da sali e carbonati che la rendono vulnerabile agli agenti erosivi, cosicché in un tempo relativamente breve l’aspetto si modifica e si modellano suggestivi paesaggi come nel caso della Valle della Luna. Faremo una passeggiata a piedi attraverso le vallate interne ammirando le sculture naturali come “Las Tres Marias” e visiteremo anche le dune di sabbia della Valle della Morte. Da un punto panoramico sulla valle attenderemo il tramonto circondati da un bel paesaggio di rocce e pinnacoli. Colazione a pic-nic e pranzo al sacco. Cena libera e pernottamento in hotel. 
    Dopo la colazione partenza per l’escursione a Aldea di Tulor, uno dei più antichi siti archeologici del nord del Cile (risalente a circa 3000 anni fa). Si prosegue con la visita alla fortezza indigena di Quitor, un luogo costruito dagli Atacameños più di 700 anni fa per difendersi dagli altri popoli che abitavano il Sud America e che è stato dichiarato Monumento Nazionale nel 1982. Si prosegue per la visita del Museo “transitorio” di Padre Gustavo Le Paige, gesuita belga che ha realizzato una importante raccolta di oggetti indigeni e condotto studi di archeologia andina. Pranzo in albergo, trasferimento all’aeroporto di Calama e volo per Santiago. Arrivo, incontro con un nostro assistente e a piedi si raggiunge il nostro confortevole hotel presso l’aeroporto, scelta dettata dal primo volo del mattino di domani per Punta Arenas. Pranzo incluso e cena libera e pernottamento. 
    Il primo volo per Punta Arenas ci permetterà di sfruttare al meglio la nostra prima giornata in Patagonia. Colazione al sacco e imbarco sul volo delle 5h12. Intorno alle 8.30 raggiungiamo il capoluogo della dodicesima regione cilena quella denominata di Magellano e dell'Antartide Cileno. Compatibilmente con gli orari di apertura facciamo una sosta per visitare il piccolo, ma interessante museo salesiano «Maggiorino Borgatello», che raccoglie una collezione di fossili, animali imbalsamati, manufatti provenienti dalle comunità di indios Tehuelches, Ona, Yaganes e Alakaluf e soprattutto una serie di foto scattate da Padre Alberto Maria De Agostini che ben documentano questa regione. A seguire partenza verso nord in pulmino privato per Puerto Natales, piccolo paese affacciato sull'unico degli innumerevoli fiordi creati dall'Oceano Pacifico che si possa raggiungere via terra. Questo percorso ci consente un primo approccio con i paesaggi della Patagonia cilena, una terra stretta tra le Ande e l’Oceano, dove l’acqua s’insinua dentro la terra a formare una costa che si frantuma in mille isole e isolotti. Per chi conosca già la Patagonia argentina, sarà interessante notare il contrasto tra le due regioni: arida e deserta la parte argentina, spazzata dai venti, dove solo una vegetazione arbustiva resiste; verde, ricca di boschi e foreste, fiumi e laghi la parte cilena, grazie alle masse di aria umida che dall’oceano vengono spinte in direzione delle vicinissime vette andine e qui si scontrano con l’aria più fredda, riversando le piogge sul versante cileno. Pranzo libero e cena inclusa in hotel. Pernottamento  
    Prima colazione e partenza con pulmino privato verso il Parco Nazionale Torri del Paine, un ambiente incontaminato dove le caratteristiche cime appuntite dei “Cuernos” del Paine si stagliano a incorniciare il paesaggio. Il parco comprende 242.000 ettari di sconfinati spazi aperti punteggiati da specchi d'acqua turchesi, foreste rigogliose, vivaci torrenti, ghiacciai e impetuose cascate. All'istituzione del Parco avvenuta nel lontano 1959 è seguita la dichiarazione dall'UNESCO come Riserva della Biosfera Mondiale nel 1978. Nell'area protetta vivono infatti volpi, guanachi, lepri, picchi, aquile, condor.e molte altre specie. Dopo circa 20 km da Puerto Natales facciamo una prima sosta alla grotta di Milodon, un insieme di caverne, considerate Monumento Naturale, dove nel 1896, furono scoperti i resti di animali preistorici, tra cui il celebre Milodon, una sorta di gigantesco bradipo vissuto probabilmente nel Pleistocene superiore. Proseguimento verso il Parco delle Torri del Paine che raggiungiamo dopo circa un’ora di viaggio. Dedichiamo la giornata a un tour panoramico dei luoghi più suggestivi del parco. Il Lago Sarmiento, che deve il suo nome all'esploratore spagnolo Pedro Sarmiento de Gamboa, è uno specchio d'acqua dalla colorazione blu intensa che regala una splendida vista sulle guglie granitiche in lontananza. Il Lago Nordenskjold, dalle acque color smeraldo, lambisce la base delle colline ed è la sorgente delle spettacolari e roboanti acque del Salto Grande, che precipita verso il Lago Pehoe. La scena è racchiusa e dominata dalle tre maestose torri che formano il gruppo del Paine: enormi monoliti di granito erosi dal ghiaccio, dall’acqua e dai venti, le cui cime sono spesso incappucciate dalle nuvole. La Laguna Grey, punteggiata da piccoli e grandi iceberg dalle sfumature celesti alla deriva e l’omonimo ghiacciaio Grey sullo sfondo. Pranzo in corso d’escursione. Pranzo incluso e cena libera. Pernottamento all’Hotel Rio Serrano  
    Prima colazione e mattinata a disposizione per attività individuali o per la navigazione facoltativa sul Lago Grey alla scoperta dell’omonimo ghiacciaio, da cui si staccano pezzi di ghiaccio che si possono osservare alla deriva sulle acque del lago (costo dell’escursione circa 150 USD soggetti a riconferma, da pagarsi in loco). Pranzo libero. Nel pomeriggio trasferimento in pulmino privato a Puerto Natales. Pranzo e cena libera. Pernottamento in hotel. 
    Dopo la colazione tempo libero a disposizione in tarda mattinata trasferimento privato in aeroporto e partenza per Santiago. Arrivo intorno alle 16 incontro con il nostro assistente e a piedi raggiungiamo il nostro hotel di transito in aeroporto in quanto domani mattina il volo per l’Italia parte alle 8h30, accettazione intorno alle 6h. Tempo libero a disposizione. Cena in hotel e pernottamento. 
    Prima colazione in hotel e imbarco sul volo Latam per Sao Paulo e coincidenza per Milano. Pernottamento a bordo. 
    Arrivo in Italia previsto alle 8.45 a Malpensa.     Lagune Altoplaniche   2. Laguna Chaxa   3. Parco delle Torri del Paine 

    Perché con noi

    • Itinerario che permette di scoprire la grande varietà paesaggistica del Cile
    • Tour Leader Esperto dall'Italia
    • tutti i servizi sono privati ed esclusivi per il nostro piccolo gruppo
    • una notte al Parco delle Torri del Paine 

    I nostri esperti

    FABRIZIO CRUSCO

    Dal 24  marzo  2022 al 4  aprile  2022

    Esperto Kel 12

    Dal 24  novembre  2022 al 5  dicembre  2022

    Approfondimenti di viaggio

     L’IMPEGNO PER UN TURISMO SOSTENIBILEPromuoviamo lo sviluppo di una coscienza sostenibile da sempre. Da molto prima che la parola sostenibilità diventasse tendenza. Favorire un turismo che non consuma, sfiora e valorizza ciò che incontra. Visitare i luoghi cercando di lasciare tracce minime del proprio passaggio sono tra i primi punti della nostra “Carta Etica del Viaggio e del Viaggiatore”, documento redatto nel 2006 e consegnato a tutti i viaggiatori prima della partenza, in cui [...]