Logo Kel 12 Cultura del viaggio
  • PUGLIA: VALLE D’ITRIA E SALENTO

    ITALIA

  • PUGLIA: VALLE D’ITRIA E SALENTO

    ITALIA

    icona orologio 7 GIORNI
    minimo 10 massimo 16 partecipanti
    icona valigia PARTENZE:

    Acque cristalline e cangianti, spiagge lunghissime e sabbiose o scogli scolpiti dalle maree, un entroterra rigoglioso e profumato, e un patrimonio storico, architettonico e culturale senza uguali. Ecco cosa nasconde un viaggio in Puglia. Solare, piena di vita e di tradizioni millenarie, è anche una terra di suggestioni, dove la natura incontaminata si sposa alla spiritualità delle sue regali cattedrali, e l’incanto barocco del centro storico di Lecce si alterna al misterioso - continua -

    A PARTIRE DA: 1.550 €


    ITINERARIO

    Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Bari e partenza in direzione Sud per la prima tappa del nostro itinerario nella patria di Domenico Modugno. Polignano a Mare è una delle mete turistiche più apprezzate della regione, grazie al pittoresco borgo arroccato sulla scogliera che, con le sue terrazze, regala scorci privilegiati su di un mare cristallino. Polignano è anche la patria di Pino Pascali, uno dei maggiori esponenti dell’arte povera italiana. Poco fuori dal centro storico visiteremo la sua Fondazione, ricavata nell’ex mattatoio comunale, che espone una collezione permanente delle sue opere. Dopo il pranzo, raggiungeremo Alberobello che deve la sua fama all’insediamento meglio conservato di trulli dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Il conte che ordinò di costruire le case a secco per non pagare maggiori tasse al Re di Napoli non avrebbe mai immaginato che stava dando origine a qualcosa di unico. Eppure le origini di queste strutture non tolgono nulla alla genialità di chi le ha costruite e alla bellezza del risultato.

    Cena e pernottamento nei pressi di Alberobello.

     

     

    L’intera giornata sarà dedicata all’esplorazione della incantevole Valle d’Itria, con i suoi vigneti, segnati da muretti a secco, e i suoi ulivi secolari. Il piccolo abitato di Locorotondo, racchiuso nella sua perfezione circolare, un tempo segnata da poderose mura, offre uno scenario idilliaco: le case imbiancate a calce fanno da sfondo alle architetture barocche in pietra locale. Martina Franca, dove l’odore del suo dolcissimo capocollo attirerà i palati più sopraffini, sarà la tappa successiva del nostro itinerario. La visita guidata del centro storico, ci permetterà di ammirarne gli edifici con i suoi eleganti balconi in ferro battuto, le chiese e i monumenti in stile barocco, come il Palazzo Ducale e la Collegiata di San Martino. Dopo il pranzo, raggiungeremo Ostuni, la meravigliosa città bianca che si staglia luminosa sull’azzurro del cielo pugliese, con il suo dedalo di stradine strette che si snodano attorno alla splendida cattedrale dedicata all’Assunta, celebre per la sua facciata in stile romanico-gotico-fiorito.

    Cena e pernottamento in hotel.

     

     

    Dopo la prima colazione, ci addentreremo nella parte meridionale dell’altopiano delle Murge per raggiungere uno dei borghi più antichi della regione. Ceglie Messapica ci offre tante testimonianze della sua storia millenaria, come il Castello Ducale o la Collegiata di Santa Maria Assunta, splendide opere architettoniche che si sono conservate dal periodo medioevale. Definita la capitale della gastronomia pugliese, Ceglie ha in un pasticcino ripieno di marmellata e ciliegie, u’piscquett’l, il suo simbolo. Brindisi, una città ricca di cultura e bellezza, invece, è la Porta d’Oriente. L’affascinante Piazza del Duomo, le Colonne Romane e il Tempio di San Giovanni, sono alcune delle meraviglie storiche e architettoniche della città. Tempo libero per il pranzo. Nel pomeriggio raggiungeremo le campagne di Guagnano per esplorare l’Eremo di Vincent, abitazione e laboratorio dell’artista Brunetti che, con una creazione fantasiosa di mosaici, sculture e quadri, ha voluto rappresentare il suo mondo interiore.

    Trasferimento a Lecce per la cena e il pernottamento.

     

     

     

    La prima tappa della giornata sarà Gallipoli, che non ha mai perso il suo fascino di luogo sospeso tra terra e mare, con il porto peschereccio, la fortezza angioina, la Cattedrale di Sant’Agata, la Fontana Ellenistica e tante altre belle chiese. In quella di San Francesco. Ammireremo le sculture lignee dei due ladroni che impressionarono anche Gabriele D’Annunzio per la loro forza espressiva. La cittadina fu anche la capitale dell’olio lampante e, ospitato nel sottosuolo di Palazzo Granafei, visiteremo uno dei celebri frantoi, con le presse olearie e una macina del XVII secolo, ancora in situ. Tempo libero per il pranzo. La prima tappa pomeridiana, Galatina, custodisce una delle chiese più belle d’Italia, Santa Caterina d’Alessandria, la cui vastità dei cicli artistici merita da sola il viaggio nella regione. Galatina è anche la sede della famosa Pasticceria Ascalone, luogo ideale per conoscere il re del Salento: il pasticciotto. Prima di rientrare in albergo ci lasceremo ammaliare dalla stupefacente architettura barocca di Nardò, passeggiando tra le eleganti stradine del centro storico, a partire dalla raffinata Piazza Salandra, fino a raggiungere il monumento dell’Osanna.

    Cena libera e pernottamento.

     

     

     

    Intera giornata dedicata alla scoperta della parte più meridionale del Salento che ha uno sviluppo costiero altamente suggestivo e incantevole. Qui si trovano anche i centri della Grecia Salentina, isola linguistica ellenofona, dove si parla il griko, un dialetto di origine greca. Corigliano d’Otranto, uno dei più importanti e abitato da epoche remotissime, è forse di origine romana. Conserva chiese e monumenti di notevole pregio architettonico, tra i quali spiccano la Chiesa Matrice di San Nicola, il barocco Palazzo Comi con la sua balconata di stampo leccese, l’Arco dei Lucchetti realizzato in pietra calcarea, con intagli bizantineggianti e rappresentante di una complessa simbologia. Da non perdere è però soprattutto il poderoso Castello de’ Monti, una struttura fortificata con quattro torrioni angolari e un bellissimo prospetto barocco. L’antico borgo di Poggiardo si trova a pochi chilometri dal mare ed è celebre per i suoi cicli di affreschi realizzati in grotte scavate nella roccia calcarea che fungevano da luoghi di culto, ma anche come rifugio per i monaci che fuggivano dalle persecuzioni iconoclastiche e dalle guerre arabo-bizantine. Nel caso della cripta di Santa Maria degli Angeli, la matrice orientale è evidente. Nel Parco Archeologico di Vaste, invece, è custodita la Cripta basiliana dei Santi Stefani, così chiamata perché l’immagine del Santo vi è riprodotta più volte. Prima di pranzo, ancora una sosta per ammirare la cripta della Madonna della Grotta di Ortelle; anche questa è una chiesa rupestre ipogea di origine bizantina ricavata da un banco di roccia tufacea. A Castro, una pittoresca cittadina arroccata sul mare, si trova la Grotta della Zinzulusa, dove si osserva uno dei maggiori fenomeni carsici del Salento. La magnifica grotta deve il suo nome alle stalattiti, cioè i zinzuli, termine dialettale per indicare gli stracci oppure i brandelli di un abito logoro. A conclusione della intensa giornata, giungeremo a Santa Maria di Leuca, situata nella zona chiamata dai romani finis terrae, il cui punto esatto è segnato dalla Basilica Santuario di Santa Maria De Finibus Terrae.

    Rientro a Lecce, cena libera e pernottamento.

     

     

    Giornata dedicata alla visita di Lecce. La capitale del barocco, che ci apparirà raffinata e luminosa, è caratterizzata dalle bellissime chiese ricche di sculture in pietra locale e dai magnifici palazzi che si aprono nelle corti del centro storico. Cominceremo dai gioielli di Piazza Sant’Oronzo, come il grandioso anfiteatro romano, il Palazzo del Sedile e la Chiesetta di San Marco dei Veneziani, per proseguire con lo scenografico apparato decorativo di Piazza Duomo, dove spiccano il Seminario, il Palazzo Vescovile e il campanile. Ciò che però ci resterà impressa nella mente, sarà la facciata della Basilica di Santa Croce, simbolo stesso del barocco leccese. Tempo a disposizione per il pranzo e nel pomeriggio trasferimento a Otranto, praticamente un museo a cielo aperto che stordisce per la bellezza della sua parte storica bizantina. La sua posizione strategicamente avanzata ad Oriente ne ha fatto da sempre un punto di contatto con la Grecia fino ad essere persino invasa dai turchi. Una città così non può non avere segni di grandezza e di fede come il Castello e la Cattedrale, con il suo enigmatico mosaico. Avremo la possibilità poi di avventurarci tra le meravigliose stradine del suo centro storico, piene di negozietti e di scorci magici sul bellissimo mare.

    Rientro a Lecce per la cena e il pernottamento.

     

     

    Dopo la prima colazione, partiremo alla volta del capoluogo di regione, sostando dapprima a Egnazia, dove sorgono le rovine di una città greco-messapica, le cui origini risalgono probabilmente alla tarda età del bronzo (XV - XII secolo a.C.), e poi a Monopoli, col suo bellissimo dedalo di stradine e la Cattedrale, una delle più grandi della regione. Dopo il pranzo saremo a Bari, che si è aperta al turismo solamente negli ultimi anni. La Città Vecchia è senza dubbio una delle anime più autentiche della città, con le sue numerose chiese, via Arco Basso, celebre per le orecchiette o il panificio Fiore, una piccola bottega ricavata in una vecchia chiesa e di cui si possono ancora notare alcuni elementi architettonici. Il simbolo della città è pero la Basilica di San Nicola, prototipo dell’architettura romanica pugliese, che ospita le spoglie del venerato santo, portate da sessantadue marinai baresi, il 9 maggio 1087, che se ne impossessarono a Myra, antica città dell’attuale Turchia.

    Al termine delle visite, trasferimento in aeroporto.

     

    APPROFONDIMENTI DI VIAGGIO

    L’itinerario prevede spostamenti a piedi e passeggiate che non richiedono particolare allenamento, ma occorre tener presente la particolare morfologia del territorio.NORMATIVE REGIONE PUGLIA - COVID Con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati: - segnalano lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di - CONTINUA -

    PERCHÈ CON KEL 12

    • Ad accompagnare il gruppo c’è un Esperto Kel 12
    •  Visita alla Basilica  di Santa Caterina ed ai suoi affreschi, di maestranza senese e giottesca
    • Visita all'Atelier di Brunetti

    GALLERY

    Richiedi preventivo









    Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e presto il consenso a Kel 12 Tour Operator S.r.l. per il trattamento dei miei dati personali."
    Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite sms e/o e-mail di comunicazioni informative e promozionali.
    Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione al servizio di invio newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate, nonché del nostro partner ufficiale National Geographic Partners LLC.

     

    L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei confronti di Kel 12 Tour Operator. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le Condizioni di Vendita e le regole di tutela della Privacy proposte da Kel 12