Logo Kel 12 Cultura del viaggio

YUNNAN: SULLE TRACCE DI SHANGRI-LA

CINA

icona orologio 14 GIORNI
minimo 10 massimo 16 partecipanti
icona valigia PARTENZE:

    2020

  • Dal   18  aprile    al   1  maggio  
Sistemazioni
Land Expeditions - Viaggi con Esperto

Un viaggio ricco di suggestioni: paesaggi mozzafiato, mosaico di etnie, monasteri tibetani, profondi canyons. Partiamo da Kunming, capoluogo dello Yunnan, detta la “città dell’eterna primavera” per il suo clima mite e la lussureggiante vegetazione. Visitiamo antiche capitali come Dali e Lijiang, rispettivamente dei Regni Bai di Nanzhao e Dali la prima e dell’etnia Naxi la seconda. Sulle sponde del Lago Lugu, nella misteriosa terra delle “Donne - continua -

A PARTIRE DA: 4.750 €


ITINERARIO

Partenza con volo di linea dall’Italia per Kunming via Pechino o Hong Kong, secondo la compagnia aerea riconfermata. Pasti e pernottamento a bordo.

 

Arrivo a Kunming, capoluogo dello Yunnan ad un’altitudine di 1894 metri, al centro di un fertile altopiano. I monti presenti a nord, est e ovest la riparano dall’influsso delle masse d’aria fredda provenienti dal nord, tanto che per il suo clima mite e per la sua lussureggiante vegetazione viene chiamata “città dell’eterna primavera”. Trasferimento in albergo.

Pranzo libero. Cena cinese in ristorante tipico.

 

Prima colazione in albergo.

In mattinata trasferimento in stazione ferroviaria e partenza in treno veloce per Dali (circa 2 ore). All’arrivo, incontro con la guida e trasferimento per la visita al tempio delle tre Pagode e alla città vecchia.

Stanziata sulle sponde del Lago Erhai, ai piedi della catena montuosa del Cangshan, a circa 2000 m di quota, Dali è una località multietnica, dove le minoranze Hui e Bai, cinesi Han e anche una piccola comunità di stranieri occidentali convivono. Tra l'VIII e il IX secolo la città di Dali fu sede del regno di Nanzhao, dinastia di etnia Bai di origine Tibeto-Birmana

I Bai sono famosi per l’architettura sofisticata e per la grande abilità delle donne di tessere tessuti in canapa e cotone grezzo. Le donne indossano un grembiule ricamato, chiamato Hewuow che, a seconda dell’età delle donne, varia per disegni, colore, forma e lunghezza. Quando una ragazza si sta avvicinando al fiore della vita, si impegna al massimo per abbellirsi, consacrandosi al ricamo del grembiule che rivela la sua maturità, l’aspirazione e la ricerca dell’amore. Ciò testimonia che la ragazza ha raggiunto l’età adulta e può cominciare a fare amicizia con un ragazzo e, naturalmente, agli incontri con il fidanzato non dimenticherà mai di indossare il suo grembiule. Si dice “i grembiuli bai non sono altro che un movimento affettuoso”, composti da nastro da legare, colletto, cintura, merletto e bordo. La religione bai comprende un misto di buddhismo, taoismo, confucianesimo e culti tradizionali.

Le Tre pagode di Dali sono famose in Cina per la loro altezza, bellezza, antichità e per la loro ottima conservazione. Quella centrale ha circa 1200 anni di storia ed è una delle pagode più alte mai costruite in Cina con i suoi 69,6 metri. Le pagode sono situate tra i Monti Cang e il Lago Erhai, a circa 1,5 chilometri a nord-ovest dalla città di Dali, e dall’alto di uno degli ultimi padiglioni del tempio si gode una vista eccezionale sul lago.

Pranzo e cena in ristoranti locali. Pernottamento in albergo.

 

Prima colazione in albergo.

Si prospetta una giornata lunga e intensa ma ricca di visite.

Partenza in pullman per Lijiang (altitudine 2400 m.) con sosta all’antica città di Shaxi (altitudine 2100 m.) ed escursione al Monte Shibaoshan (altitudine tra i 2000 a 3000 m.) per visitare le grotte rupestri d’arte buddista risalenti alla dinastia Tang (tra il VII e il X sec. d.C.).  

Si effettuerà una sosta nella piccola cittadina di Xizhou (il nome significa “città felice”) a 18 chilometri a nord di Dali, circondata da coltivazioni di riso e famosa per le dimore Bai tradizionali. Nei secoli è stato un vero paradiso per gli intellettuali cinesi ed è stato rifugio durante l’invasione Giapponese. Prima del 1949, Xizhou fu il principale centro del commercio Bai e molte famiglie vivevano nella ricchezza. In un paio d’ore si arriva poi a Shaxi, l’unico esempio vivente di una delle stazioni principali dell’antica Horse and Caravan Trail con un teatro, un tempio, complessi residenziali e porte d’ingresso originali. Dopo il pranzo in un ristorante locale, il viaggio procede con l’escursione a Shibaoshan uno dei primi parchi naturali e siti religiosi ad essere ufficialmente protetto in Cina dal 1982. L'area di 2000 ettari, si compone di tre distinte montagne che raggiungono un'altezza massima di 3083 metri, note con il nome di Baoding, Shisan e Shizhong con quattro templi: Shizhong, Baoxiang, Haiyun e Jinding. Grazie alla lontananza di quest’area, i templi e le grotte sono miracolosamente sopravvissuti alla distruzione della Rivoluzione Culturale. Le grotte rupestri d’ arte buddista risalgono al tempo alla dinastia Tang (tra il VII e il X sec. d.C.). La camminata a Shibaoshan (2500msl) richiede circa 45 minuti tra discesa e salita di gradini.

Proseguimento per Lijiang, situata su un altopiano ad un’altezza tra i 2400 e 2500 metri , fu l’antica capitale del famoso regno dei Naxi, un'etnia birmano-tibetana di allevatori nomadi giunta nello Yunnan nel XIII sec. che utilizza tutt’oggi la lingua “dongba”, ultima scrittura pittografica. Fondata 800 anni fa, Lijang è stata un florido mercato lungo la via del tè e dei cavalli, che collegava la Cina all’India attraverso il Tibet. La città vecchia è un labirinto di strade in ciottolato, stretti canali e pittoresche case in legno ed è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Cena e pernottamento in albergo nel vicino villaggio di Shuhe, altitudine 2400 m. (abbiamo preferito alloggiare a Shuhe in quanto un po’ meno frequentata dai turisti di Lijang.)

 

Prima colazione in Hotel.

Al mattino visita del villaggio Yuhu, residenza del botanico e più celebre esperto della cultura Dongba Joseph Rock, che partecipò ad un gran numero di spedizioni in Cina per conto di National Geographic nel corso degli anni Venti e Trenta del Novecento. Proseguimento per Baisha per ammirare gli affreschi di epoca Ming e Qing. Dopo pranzo avremo il privilegio di assistere a Impression Lijiang, un magnifico spettacolo a cielo aperto ambientato sul Monte Innevato del Drago di Giada, che testimonia le tradizioni e i costumi delle etnie Naxi, Bai e Yi, per la regia del grande Zhang Yimou (ci troviamo a circa 3000 mt di altitudine). Direttamente dalla location dello spettacolo con un pullman del parco nazionale in circa 15 minuti raggiungeremo la funivia per arrivare al parco degli abeti a circa 3200m. Si cammina per circa 45 minuti (non impegnativo) su una passerella di legno. Da qui si possono scorgere bene i picchi del magnifico ghiacciaio Yulongxueshan, che domina tutta la valle di Lijiang. Al termine delle visite rientro a Shuhe.

Pranzo in ristorante locale. Cena in hotel.

 

 

Prima colazione in hotel. Dopo una sosta al pittoresco mercato di Zhongyi a Lijiang, si parte alla volta del lago Lugu, situato tra le montagne a cavallo tra lo Yunnan e il Sichuan. Si attraversano paesaggi bucolici tra passi montani e gole dove passa il fiume Jinsha, ossia la parte superiore dello Yangtze. Lungo il percorso si incontrano popolazioni come gli Yi, l’etnia del fuoco, fieri e guerrieri, costituiscono una delle minoranze etniche che conta il maggior numero di individui, la più ampia distribuzione e una lunga storia. Gli antenati degli Yi risiedevano già in tempi remoti nella parte sud-occidentale della Cina, integratisi pian piano con le tribù aborigene locali. La lunga storia dell’etnia Yi è caratterizzata dalla schiavitù che ha controllato la società fino agli anni ’50 del secolo scorso. Il lago Lugu copre una superficie di oltre 50 kmq e giace ad un’altitudine di 2690m. È chiamato la Perla dell’altopiano proprio per le sue meravigliose acque trasparenti, che come uno specchio chiarissimo riflettono diversi colori: ora turchese blu, ora blu zaffiro, ora bianco-grigio. L’arrivo al lago è previsto nel tardo pomeriggio.

Pranzo e cena in ristoranti locali. Dopo cena possibilità di partecipare al falò del villaggio di Luoshui.

 

NB: la strada per il lago Lugu è oggetto di lavori in corso che possono implicare tempi di percorrenza più lunghi di quanto previsto.

 

Prima colazione in albergo.

L’antica e misteriosa “Terra delle Donne Graziose”, il Lago Lugu, è abitata almeno dal 111 a.C. dall’etnia Mosuo, una delle ultime società matrilineari al mondo che pratica la tradizionale usanza del “matrimonio errante”. Una pratica secondo la quale le donne Mosuo possono scegliere liberamente i loro amanti senza alcun tipo di interferenza; la loro vita amorosa non è vincolata da concetti di scadenza, soldi, status sociale, religione o clan familiari e addirittura nella loro lingua non esiste una parola che definisca il concetto di “padre”.

Minicrociera sul lago con salita sull’isola centrale (soggetta a condizioni metereologiche), visita al Tempio Liwubi e ai tipici villaggi Mosuo nei dintorni. Dopo pranzo si prende la seggiovia per visitare la Grotta della Dea e per ammirare il panorama del Lago Lugu (soggetto a condizioni metereologiche). Si sale a piedi per circa 10 minuti fino alla seggiovia e si arriva a circa 3200m. Per arrivare alla grotta vera e propria ci sono circa 300 gradini e il punto più alto all’interno è a 3425 m.

Pensione completa (pranzo e cena in ristorante locale).

 

Prima colazione in albergo e sosta al mercato di Yongning dove si vedono ancora  Mosuo e Yi.

Trasferimento a Lijiang. Nel pomeriggio proseguimento della visita della città vecchia con la Residenza della Famiglia Mu, il museo della cultura Dongba e la Black Dragon Pool.

I membri del clan Mu dei Naxi regnarono come vassalli degli imperi Ming e Qing. L'attuale edificio è una ricostruzione moderna, ma dà una chiara idea di come fosse un tempo la ricca dimora. Il palazzo originario copriva il doppio della superficie attuale e venne costruito in modo così grandioso che si diceva rivaleggiare con la Città Proibita di Pechino della dinastia Qing.

Al Museo della cultura Dongba si trovano antiche pitture su stoffa e su carta tradizionale, le tangkha, strumenti cerimoniali, oggetti antichi di uso quotidiano e costumi Naxi.

L’adiacente Parco del Lago del Drago Nero, con una superficie di 40 ettari, fornisce un rifugio sicuro per gli uccelli tra piante secolari e una grande risorsa di acqua per gli abitanti di Lijiang. Faremo una piacevole passeggiata all’interno del parco, dove sono presenti anche antichi monumenti come il Tempio Longshen, il Padiglione Deyue e il Ponte Suocui.

Pranzo in ristorante locale. Rientro a Shuhe, cena e pernottamento in hotel.

 

Prima colazione in albergo.

Partenza per il punto panoramico del Salto della Tigre (altitudine 1800 m.), una delle gole più profonde del pianeta formata dal fiume Yangtze. È prevista una discesa e risalita di circa 500 gradini per chi desideri osservare la potenza del fiume da vicino. Prima di arrivare alla gola ci fermiamo al mercato locale di Shigu , storica cittadina sulla Via del tè e dei Cavalli.

Si procede quindi verso l’area di Shangrila, nello Yunnan settentrionale, seguendo il corso del Fiume Azzurro attraverso un territorio di montagne innevate e valli spettacolari. Qui i Qiang (tibetani) vivono in case di terra con colorate finestre e pavimenti di legno che dividono in tre piani, stalla, abitazione e granaio, coltivando orzo e allevando yak. In questo ambiente, ai piedi dei monti, crescono più di 400 diverse varietà di piante officinali con cui gli abitanti del luogo preparano farmaci e unguenti secondo le indicazioni dell'antica medicina tradizionale. Lungo il percorso, sosta al grande Stupa di Zhongdian (3250 m.) notevole per dimensioni e affreschi al suo interno.

Proseguimento per Benzilan (altitudine 2240 m.) e sistemazione in albergo.

Pensione completa (pranzo in ristorante locale, cena in albergo).

 

Prima colazione in albergo.

Al mattino, esplorazione dell’area di Benzilan con una prima sosta panoramica all’ansa dello Yangtze e poi al monastero Dongzhulin, in una meravigliosa posizione sul fiume. Questo monastero, popolarissimo fra i tibetani della zona, venne costruito nel 1667, danneggiato gravemente durante la Rivoluzione Culturale e ristrutturato nel 1987. Si prosegue quindi verso il parco nazionale di Balagezong Grand Canyon, una delle principali aree panoramiche della cosiddetta zona dei “Tre Fiumi Paralleli”, dove si potranno ammirare villaggi tibetani immersi tra verdi foreste e rocce di gole profonde, circondate da spettacolari montagne innevate. È prevista una camminata di circa 2-3 ore ad un’altezza media di circa 2200 metri.

Il Fiume Azzurro con i suoi 6397 km è il fiume più lungo dell’Asia e il terzo per lunghezza nel mondo dopo il Rio delle Amazzoni in Sud America e il Nilo in Africa, attraversa 14 province e divide orizzontalmente la Cina in due parti.

Nel pomeriggio trasferimento a Zhongdian (2 ore di pullman circa 90 km, 3280 m.). Passeggiata nel cuore antico della città, abitata da diversi gruppi etnici, ma dove la maggioranza tibetana darà la possibilità di entrare in contatto con la loro cultura ed il loro stile di vita.

Pranzo in ristorante locale. Cena e pernottamento in albergo.

 

Prima colazione in albergo.

Visita del monastero Songzanlin, il più grande dello Yunnan, che ancora oggi ospita numerosi monaci che qui trascorrono la loro vita studiando la filosofia e le pratiche buddhiste. È la seconda istituzione del buddhismo tibetano dopo il Potala di Lhasa. Fondato nel Seicento e saccheggiato durante la Rivoluzione Culturale, col ritorno della libertà religiosa è ridiventato il centro spirituale della regione.

Proseguimento dell’esplorazione dell’area di Shangri-La: luogo immaginario descritto nel 1933 da James Hilton nel suo romanzo Orizzonte Perduto. Shangrila, che pure ispirò il celebre film di Franck Capra, si riferisce al monastero tibetano nel cuore di spettacolari paesaggi montani all'estremità occidentale dell’Himalaya, che ospitava un’antichissima e segreta comunità di saggi. Essi meditavano, studiavano e vivevano estremamente longevi e felici in un ambiente di pace e tranquillità. In seguito molti furono i sognatori e gli avventurieri alla ricerca del paradiso perduto tanto che nel 2001 il governo cinese proclamò Zhongdian la vera Shangrila.

Nel primo pomeriggio si parte per la valle di RIngha, a circa 20 km di distanza dall’antica cittadina. È prevista una piacevole camminata di circa 2-3 ore tra fiumi, foreste, villaggi e praterie ad un’altezza media di 3300 metri, durante la quale si visita il tempio locale Dabosi e si vede l’architettura tradizionale. Nel tardo pomeriggio si raggiunge la Farm Liotard, residenza privata in stile tibetano di Constantin De Slizewicz, scrittore, giornalista, ma sopratutto esploratore di tutta l’area di Shangri-La, dove ha realizzato il suo sogno di riuscire ad unire quella che egli definisce l’arte di viaggiare e di vivere secondo la tradizione locale tibetana. Al termine della serata rientro in hotel a Zhongdian.

Pranzo in ristorante locale. Cena alla Farm Liotard.

Pernottamento in albergo.

 

Di primo mattino trasferimento in aeroporto e volo per Kunming (il biglietto verrà fornito dal nostro partner locale e l’orario è soggetto a riconferma in loco).

Escursione al Monte dell'Ovest e visita alla Porta del Drago ed al tempio taoista. La catena delle Colline Occidentali si estende per 40 chilometri sulla sponda ovest del Lago Dian ed è formata da una serie di alture note anche con il nome di Montagne del Pavone Verde o, più comunemente Montagne della Bella Dormiente, perché il loro profilo ondulato ricorda la figura di una donna sdraiata con le trecce che fluiscono verso sud. Salita in funivia di circa 15 minuti fino a 2200-2300 metri e si scende percorrendo circa 1000 gradini per visitare le grotte lungo il sentiero, dove sorge anche la Porta del Drago, un gruppo di sculture, corridoi e padiglioni scavati nel dirupo tra il 1781 e il 1853 da un monaco taoista e da alcuni suoi aiutanti che lavorarono appesi alla roccia Al termine delle visite rientro in hotel.

Pensione completa (pranzo e cena in ristoranti locali).

 

Mattinata a disposizione e pranzo libero. Trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia voli di linea via Hong Kong o Shanghai, secondo la compagnia aerea confermata. Pernottamento a bordo.

 

Arrivo a Italia in mattinata.

 

 

N.B.: in questo viaggio le camminate non sono troppo impegnative ma spesso nei siti ci sono molti gradini. Inoltre, consigliamo di portare degli scarponcini per le camminate in montagna, dove ci sono sentieri su strada sterrata da percorrere (non particolarmente impervi ma, in caso di umidità, il terreno può essere un po’ scivoloso).

 


 

 

 

 

  1. Donna di etnia Yi  2. Le tre pagode di Dali   3. Lago Logu

 

 

APPROFONDIMENTI DI VIAGGIO

 I trasferimenti via terra possono comportare tempi superiori a quelli cui si è normalmente abituati, dato lo stato della viabilità e del traffico locale. I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono dal traffico, condizioni delle strade, soste dettate dalle esigenze del gruppo.Il clima è caratterizzato dal cosiddetto "monsone montano subtropicale", ma in realtà, lo Yunnan conosce tre tipologie differenti di clima: temperato, subtropicale, e tropicale. - CONTINUA -

PERCHÈ CON KEL 12

  • Visita del villaggio Yuhu, residenza del botanico e più celebre esperto della cultura Dongba Joseph Rock, che partecipò ad un gran numero di spedizioni in Cina per conto di National Geographic nel corso degli anni Venti e Trenta del Novecento.
  • Cena alla Farm Liotard, residenza privata in stile tibetano di Costantin De Slizewicz, scrittore e giornalista,ma sospratutto esploratore di tutta l'area di Shangri-La 

ESPERTI

  

ANGELICA PASTORELLA

  • Dal 18  aprile  2020 al 1  maggio  2020

GALLERY

Richiedi preventivo








Data Partenza:

Ho preso visione dell'informativa sulla privacy e presto il consenso a Kel 12 Tour Operator S.r.l. per il trattamento dei miei dati personali."
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite sms e/o e-mail di comunicazioni informative e promozionali.
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione al servizio di invio newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate, nonché del nostro partner ufficiale National Geographic Partners LLC.

 

L'invio del presente modulo non comporta alcun impegno nei confronti di Kel 12 Tour Operator. Al ricevimento della richiesta, i nostri operatori provvederanno a contattarti per fornirti informazioni sulla disponibilita' del viaggio nel periodo prescelto insieme alle modalita' per effettuare l'eventuale prenotazione. I dati raccolti verranno trattati da Kel 12 nel pieno rispetto della legge sulla privacy. Dichiaro di aver letto ed accettato le Condizioni di Vendita e le regole di tutela della Privacy proposte da Kel 12