Maha Kumbh Mela

MANCANO

AL MAHA KUMBH MELA
THE HUMAN ROAR

IL PIÙ GRANDE RADUNO RELIGIOSO DEL MONDO
TI ASPETTA NEL 2025!

I GIOIELLI DEL KARNATAKA
E IL MAHA KUMBH MELA

16 giorni dal 21 gennaio 2025
con Fabrizio Crusco e Marco Restelli

MAHARASHTRA, MADHYA PRADESH, UTTAR PRADESH
E IL MAHA KUMBH MELA

16 giorni dal 21 gennaio 2025
con Giancarlo Meoni e Paolo Ghirelli

RAJASTHAN, TUTTI I COLORI DELL’INDIA
E IL MAHA KUMBH MELA

16 giorni dal 21 gennaio 2025
con Alessandro Fumagalli

NEPAL E
IL MAHA KUMBH MELA IN INDIA

15 giorni dal 22 gennaio 2025
con Savino Pellerano

DAL TAMIL NADU
AL MAHA KUMBH MELA

15 giorni dal 22 gennaio 2025
con Angelica Pastorella

“ESSENZE INDIANE”, IL MEGLIO DELL’INDIA
E IL MAHA KUMBH MELA

14 giorni dal 23 gennaio 2025
con Pierfranco Viano

L’ORO DEL PUNJAB
E IL MAHA KUMBH MELA

12 giorni dal 25 gennaio 2025
con Paolo Brovelli

IN VIAGGIO COL FOTOGRAFO
AL MAHA KUMBH MELA

8 giorni dal 29 gennaio 2025
con Edoardo Agresti

“L’ANIMA DELL’INDIA”: VARANASI
E IL MAHA KUMBH MELA

8 giorni dal 29 gennaio 2025
con Giancarlo D’Anna

PERLA E LACRIMA DELL’INDIA: SRI LANKA
E MAHA KUMBH MELA

16 giorni dal 21 gennaio 2025
con Mario Romualdi

Segui questa pagina per gli aggiornamenti e le novità dei nostri viaggi dedicati al Maha Kumbh Mela.

Niente è come il Maha Kumbh Mela in India. Lo senti, quando sei una goccia in un oceano di 120 milioni di pellegrini induisti. Tanti ne verranno in tre mesi, nel 2025, per il più grande raduno religioso della Terra. Una tradizione antica di millenni, che però dal dicembre 2017 ha anche un nome moderno: «Patrimonio Culturale Intangibile dell’Umanità – Unesco».
Lo senti, il brivido, quando vedi i Naga Baba. All’alba, nelle loro tende, si spogliano completamente, si cospargono di cenere tutto il corpo e prendono tridenti e spade perché da tempo immemorabile sono asceti-guerrieri. E poi succede: di colpo il silenzio diventa il tuono delle loro voci quando tutti insieme irrompono fuori dalle tende urlando come Folli di Shiva, alzando le spade, esibendo con orgoglio la propria nudità («il corpo è solo un vestito», mi disse sdegnoso uno di loro). Noi viaggiatori, confusi nell’immensa folla dei pellegrini, ci fermiamo a guardarli: i Naga Baba nudi vocianti e armati sembrano un corpo unico fatto di tanti corpi intrecciati, uno di loro su un cavallo batte ritmicamente su due tamburi, mentre la folla dei fedeli unisce le mani in venerazione… perché tutti lo sanno. Sanno che sono i Naga Baba i re del Maha Kumbh Mela: saranno la prima, fra tutte le congregazioni induiste presenti, ad avere l’onore di fare lo Shahi Snan, il Bagno Sacro. Perché è così da millenni, e così sarà anche nel 2025. Gli asceti-guerrieri si immergeranno nel punto di unione fra tre fiumi sacri: due di essi sono visibili, la divina Ganga (quella che noi chiamiamo Gange) e la divina Yamuna. Il terzo fiume invece, la divina Saraswati, è invisibile: come l’energia che secondo lo yoga scorre nei canali sottili del corpo umano e attraverso di essi arriva ai chakra. I fiumi sono appunto i canali sottili del corpo dell’India. E sono divinità femminili perché rappresentano l’Energia del mondo, che è femminile: Shakti, la sposa di Shiva. È all’incrocio dei tre fiumi visibili/invisibili che si bagnerà – per purificare il proprio karma – l’oceano di folla del Maha Kumbh Mela, lasciando il passo ai Naga Baba.
A questo rito antichissimo assisteremo insieme, all’alba del 3 febbraio 2025: noi di Kel 12 saremo lì sull’argine della Ganga, con gli asceti e i pellegrini, per osservarli e partecipare con rispetto. E saremo nelle posizioni strategiche da cui fotografare uno dei più grandi spettacoli umani che esistano. Ci vuole esperienza, per muoversi bene in un Maha Kumbh Mela.
I riti e le processioni (a cui partecipano anche carri, cavalli, camion, trattori ecc., il tutto coperto di fiori e festoni) si svolgono in una Città Mistica fatta di milioni di tende. Un campo tendato a perdita d’occhio dove vivono pregano meditano e, certo, fanno anche “marketing religioso”, migliaia di asceti itineranti (sadhu) appartenenti a diverse confraternite e tradizioni spirituali, e migliaia di maestri spirituali (guru) ma ormai anche maestre (gurvini), perché le donne si stanno facendo avanti con nuova autorità anche in questo universo induista, che è eterno però sa cambiare con i tempi.


Kumbh Mela